BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tutto pronto per la Festa del Moscato: obiettivo 50mila visitatori fotogallery

La kermesse si svolgerà da giovedì 6 a domenica 9 settembre. Il sindaco Davide Casati: “Saranno quattro giorni ricchi di iniziative pensate per le persone di tutte le età: se il meteo sarà migliore dello scorso anno ci sono tutti gli ingredienti per superare il record delle 40mila presenze e raggiungere il traguardo di 50mila visitatori”.

“Saranno quattro giorni ricchi di iniziative pensate per le persone di tutte le età: grandi e piccoli, famiglie e ragazzi, giovani e meno giovani”. Con queste parole il sindaco di Scanzorosciate, Davide Casati illustra la nuova edizione della festa del Moscato di Scanzo e dei sapori scanzesi che si svolgerà da giovedì 6 a domenica 9 settembre a Scanzorosciate.

La kermesse, giunta al 13esimo anno, ancora una volta si preannuncia come un evento di notevole richiamo. Il sindaco Casati spiega: “La festa manterrà il format che la contraddistingue con un programma ancora più denso di appuntamenti. Sono state implementate le diverse componenti della manifestazione, ossia l’offerta enogastronomica, la programmazione artistica-musicale e le attività legate allo sport e all’outdoor. Per quest’ultima, ad esempio, ci sono diverse novità: il nuovo record della Moscato trail, che vedrà la partecipazione di 600 atleti, l’organizzazione di Moscato Beach Games al Beach Village di Scanzorosciate e un torneo calcistico femminile con il coinvolgimento del Movimento Sportivo Popolare e dell’associazione Tutti in campo per tutte. Se il meteo sarà migliore dello scorso anno ci sono tutti gli ingredienti per superare il record dei 40mila visitatori raggiunto nelle edizioni precedenti e toccare quota 50mila presenze”.

Si conferma, dunque, una “vetrina” per il territorio e per questo gode del patrocinio di Regione Lombardia. Il consigliere regionale e presidente di Uniacque Paolo Franco evidenzia l’iniziativa come “importante opportunità per valorizzare tutto ciò che offre questa porzione della provincia”.

Una kermesse che innesca ricadute virtuose, come indica il presidente del Consorzio di Tutela del Moscato di Scanzo, Paolo Russo: “Valorizzare le eccellenze locali permette di creare un volano di sviluppo con tanti effetti positivi per il territorio. Per diffonderne la consapevolezza, quest’anno abbiamo esteso anche il coinvolgimento dei ristoratori del paese, per dare risalto alle specialità scanzesi nei loro menù”.

Il protagonista sarà come ogni anno il pregiato Moscato di Scanzo, famoso e rinomato passito a Denominazione di Origine Controllata e Garantita (l’unica della bergamasca e la più piccola d’Italia), che si presenterà a tutti i visitatori attraverso un suggestivo percorso nell’affascinante borgo storico di Rosciate, in quattro giorni ricchi di sapori, arte, cultura, folclore, laboratori, musica e illustri personaggi. I produttori associati alla Strada del Moscato di Scanzo proporranno in degustazione il proprio passito, oltre ad altri vini, miele, olio, formaggi, gelato e prodotti da forno, tutti provenienti dalle colline scanzesi.

Il carattere distintivo della manifestazione sarà come ogni anno l’abbinamento del Moscato di Scanzo, eccellenza del territorio, ad altre importanti eccellenze provenienti dal mondo dello spettacolo e dello sport, della cultura e dell’enogastronomia. L’assessore alla promozione del territorio, cultura e comunicazione del Comune di Scanzorosciate, Angela Vitali evidenzia: “Anche in questa edizione sarà presente un ristoro principale all’oratorio di Rosciate con piatti tradizionali e grigliate, affiancato da altri 3 punti food: un’area ristoro a km0 (parcheggio di via don Giulio Calvi) dove si potranno gustare prelibatezze e fare spuntini o pasti veloci a cura di alcuni ristoratori scanzesi; il Ristoro degli Orti (area scuole – via degli Orti), dove si potranno consumare veloci taglieri accompagnati da buon vino locale; e novità 2018, il Ristoro Terre del Vescovado con proposte di street food di alta qualità a cura di Cantalupa e La vecchia filanda”.

Tra gli ospiti spiccano gli chef Francesco Gotti, presenza consolidata alla kermesse, e Andrea Mainardi, volto de “La prova del cuoco” su RaiUno. L’assessore Vitali sottolinea: “Il giorno di apertura, giovedì 6 settembre, sarà illuminato dai giochi di luce dell’artista brasiliano Gustavo Ollitta con la performance luminosa Equilibra. Nel corso della serata, brindisi in piazza con alcuni giocatori della Foppapedretti e dell’Atalanta. Inoltre, alla Sala Galizzi, si inaugurerà uno spazio culturale in cui tutte le sere si terranno proiezioni di opere di Ermanno Olmi. Venerdì 7, vedrà in scena la simpatia del carismatico Omar Fantini con lo spettacolo comico/musicale “Uomini con le meches”. Sabato 8 torna l’appuntamento con il palio del Moscato di Scanzo, una gara di pigiatura dell’uva tra i bambini delle contrade che ogni anno coinvolge numerose famiglie. Al termine, novità 2018, ci sarà un’inedita gara di pigiatura che vedrà protagonisti i sindaci bergamaschi: per ora ha confermato la propria partecipazione una ventina di primi cittadini anche se il numero dovrebbe crescere ancora considerando che stiamo aspettando alcune conferme. Il pomeriggio della Festa sarà poi animato dall’estro dello chef e conduttore televisivo Andrea Mainardi, che si cimenterà in uno show-cooking con “Mistery Box”, preparando una ricetta con i prodotti delle Terre del Vescovado senza conoscere precedentemente quali siano gli ingredienti a sua disposizione”.

Domenica 9 le iniziative si svilupperanno per tutto l’arco della giornata. Angela Vitali dichiara: “La mattina ci sarà la terza edizione della Moscato di Scanzo Trail, gara di corsa tra colline, vigne e cantine di Scanzorosciate, e per le famiglie verrà proposta una versione “soft” del percorso. Durante la mattinata verranno proposte anche le tradizionali camminate guidate lungo gli itinerari della Strada del Moscato (su prenotazione). Esperte guide del territorio accompagneranno i visitatori tra borghi, chiese, vigne e cascine alla scoperta di Scanzorosciate e dei luoghi del Moscato. Alle 16.30 sarà la volta della “scuola di cucina” con lo chef della nazionale italiana cuochi Francesco Gotti, che presenterà, in un laboratorio all’aperto, i “moscovado”, nuovo tipo di raviolo preparato con pasta fresca dedicato ai Sapori delle Terre del Vescovado. Inoltre, il pomeriggio della festa sarà come sempre all’insegna del folclore bergamasco con il teatro dialettale del Sottoscala, il gruppo Costom de Par e la Commedia dell’Arte di Mario Rota”.

Tutte queste attività sono frutto di un intenso lavoro di rete. L’assessore Vitali conclude: “In totale sono coinvolti 450 volontari di diverse età, dai giovani agli adulti, con un’età media che si aggira attorno ai 40-45 anni. E quest’anno la partecipazione delle nuove generazioni si è estesa con il coinvolgimento del consiglio comunale dei ragazzi”.

Album Generico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come da tradizione, anche l’arte troverà particolare spazio alla festa, ospitando una pluralità di linguaggi all’interno del borgo storico di Rosciate, con la direzione artistica dell’associazione Sotto Alt(r)a Quota. Marco Ronzoni, co-fondatore e membro del consiglio direttivo di “Sotto Alt(r)a Quota” illustra: “Diverse forme artistiche troveranno sede lungo le strade della Festa e nella quattrocentesca chiesa di Santa Maria Assunta. I progetti che proporremo sono: “Abitare l’incontro”, con installazioni, interventi artistici e videoproiezioni, “Le rughe sono come strade” mostra fotografica, “CineMoscato” la proiezione nella chiesa di santa Maria Assunta di due documentari del regista bergamasco Ermanno Olmi, “Moscàns”, l’originale gioco da tavolo del Moscato di Scanzo, “Habita(r)t”, laboratori nomadi destinati ai giovani. Non mancheranno, poi, anche in questa edizione i numerosi concorsi: addobbi case e vetrine e MoscaT-shirt, le magliette d’artista del Moscato”.

A fare da cornice alla festa sarà tanta musica con concerti live. Sul palco principale di piazza Alberico si esibiranno 4 big: giovedì, il folk celtico degli “Fba” e il tributo agli U2 con i “Daydream”; sabato, “2 Mondi – tributo a Lucio Battisti & Vent Symphony Orchestra nel ventennale della scomparsa di questo grande cantante e compositore; domenica, tributo alle donne della musica italiana con i “Nails”.

In Piazza degli Orti e nell’area verde delle scuole medie, invece, avrà luogo la seconda edizione della rassegna musicale underground originale e di qualità “In vino veritas, con la direzione artistica dell’associazione Sotto Alt(r)a Quota, nelle figure di Michela Benaglia e Andrea Manzoni. Nell’illustrare il cartellone, Benaglia dichiara: “Saranno allestiti due palchi dalle atmosfere ben distinte e ci sarà spazio per tanti musicisti che si caratterizzano per la ricerca artistica personale ed innovativa che si alterneranno tra l’elettrico e l’acustico. Quest’anno si è deciso inoltre di coinvolgere quattro band giovanili di Scanzorosciate attraverso una giornata di audizioni. Questi gruppi, oltre ad alcuni giovani dj, apriranno i concerti del palco di via degli Orti. Il palco delle scuole medie sarà invece una sperimentazione di altre attività e progetti musicali in grado di coinvolgere e interagire con il pubblico: cantautorato, jazz, blues, musica classica, giochi di luce e giocoleria”.
Giovedì il cartellone propone in piazza degli Orti gli Otu (cinematic hip hop, breakbeat e post rap) e in apertura i Free Fall (pop-rock) e nell’area delle scuole Matteo Franchini solo (cantautorato, folk); venerdì in piazza degli Orti Rich Apes (funk, psych rock) e in apertura Reborn (heroin rock) e nell’area scuole Falle girare (cabaret/giocoleria); sabato in piazza degli Orti The Honolulu (funky poliziesco all’italiana) e in apertura I vagabondi del Dharma (Alt rock) e a seguire Gruppo Dj, mentre nell’area scuole Matteo Franchini duo (country, blues); domenica in piazza degli Orti Stefano Macchia Electric Blues (blues) e in apertura Blueberries (acoustic pop-rock, cantautorato italiano) mentre nell’area scuole Le quattro stagioni del conservatorio (concerto degli studenti del conservatorio di Bergamo) e Massimiliano Milesi duo (jazz).

Dal cuore di piazza Alberico la festa continuerà in via degli Orti: nel parco della scuola media, sede dell’orto didattico più grande d’Italia, si terranno spettacoli e concerti, mentre nella struttura scolastica verranno proposti laboratori per bambini e ragazzi e la fattoria didattica. Sabato e domenica, ci saranno i giochi in legno di una volta a cura dell’associazione Dindoca. Ma non finisce qui, venerdì e domenica all’oratorio di Rosciate, sarà proposto il laboratorio“3×3: i formaggi orobici incontrano il Moscato di Scanzo Docg” a cura di Onaf (Organizzazione Nazionale degli Assaggiatori di Formaggio).

Per concludere, viene confermato il servizio navetta gratuito messo a disposizione dal Comune di Scanzorosciate in collaborazione con Atb, come anticipato dal presidente dell’Azienda Trasporti Bergamo, Alessandro Redondi. Il servizio, che quest’anno si estenderà raggiungendo anche la zona di Tribulina-Gaverno Vescovado, permetterà ai visitatori di lasciare la macchina nei parcheggi convenzionati e di raggiungere comodamente la festa.

Per avere ulteriori informazioni e per consultare il programma dettagliato accedere al sito www.festadelmoscato.it

Foto di copertina di Alex Persico

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.