• Abbonati
Bergamo

Neri Marcorè, Angela Finocchiaro, Massimo Ranieri: primi nomi della nuova stagione del Creberg

Il programma si annuncia ricco, variegato e annovera tanti importanti artisti.

Neri Marcorè, Massimo Ranieri, Edoardo Leo e Angela Finocchiaro saranno tra i protagonisti della nuova stagione del Creberg Teatro Bergamo.

Il programma si annuncia ricco, variegato e annovera tanti importanti artisti. Tra di loro spicca Lenny Zakatek, voce originale dei The Alan Parsons Project, che si esibirà con la band Skeye, l’orchestra sinfonica Gavazzeni e il coro dell’Opera. Il live, che proporrà le musiche del celebre gruppo musicale, è in cartellone giovedì 1° novembre.

La settimana successiva, venerdì 9 novembre, salirà sul palco l’attore, comico e cantante Angelo Duro, già volto de “Le Iene”, che porterà in scena “Perchè mi stai guardando?”. Uno show che fa ridere e riflettere raccontando la storia di come, da bravo bambino quale era, ha dovuto reagire alle fregature e alle ingiustizie della vita, scegliendo di diventare cattivo. In un’ora e mezza analizza a modo suo la realtà di ieri e di oggi, l’uomo e la donna, gli animali e la natura, il presente e il futuro.

Il giorno seguente, sabato 10 novembre, al centro delle scene ci sarà Neri Marcorè che, nelle vesti di cantante e chitarrista, insieme allo GnuQuartet darà vita a una serata di musica ed emozioni in omaggio a Fabrizio De Andrè. Il titolo dello spettacolo, “Come una specie di sorriso”, parte dal verso di una delle canzoni più famose di Faber, “Il pescatore”.

Giovedì 22 novembre si proseguirà con Massimo Ranieri, che torna mattatore con lo spettacolo ”Sogno e son desto 400 volte”, scritto con Gualtiero Peirce e proposto nei teatri con un nuovo tour. Tra canzoni, aneddoti e colpi di teatro, l’artista propone la versione aggiornata dello show in cui resta immutata la formula vincente di “Sogno e son desto”, tra le grandi melodie senza tempo e i suoi brani più celebri, passando per il teatro umoristico e tante sorprese. Vestirà il triplice ruolo di cantante, attore e narratore per interpretare i suoi grandi successi musicali, portando in scena il meglio del suo repertorio, senza perdere di vista il gusto irrinunciabile della tradizione napoletana, gli omaggi ai grandi sognatori e i grandi classici del cantautorato italiano.

Il giorno dopo (venerdì 23 novembre), invece, ci sarà Rocco Papaleo con “Coast to Coast”, in cui la musica incontra le parole, tra canzoni, racconti poetici e realistici, monologhi e gag surreali. Lo spettacolo nasce dalla volontà di creare un teatro “a portata di mano”, capace di divertire e al tempo stesso emozionare. Uno show come un diario da sfogliare a caso, fatto di pensieri sparsi, brevi annotazioni e rime lasciate in sospeso che si fanno parole in musica, in un esperimento di teatro-canzone, con un occhio a Giorgio Gaber e uno alla Basilicata.

Sabato 1° dicembre la protagonista sarà Angela Finocchiaro con lo spettacolo “Ho perso il filo”. Una commedia, una danza, un gioco, una festa: l’attrice assume uno stile inedito e si mette alla prova con linguaggi espressivi mai affrontati prima, per raccontare con la sua stralunata comicità e ironia un’avventura straordinaria, emozionante e divertente al tempo stesso: quella di un’eroina pasticciona e anticonvenzionale che parte per un viaggio, si perde, tentenna ma poi combatte fino all’ultimo il suo spaventoso Minotauro.
Angela Finocchiaro si presenta in scena come un’attrice stufa dei soliti ruoli: sarà Teseo, il mitico eroe che si infila nei meandri del Labirinto per combattere il terribile Minotauro. Affida agli spettatori un gomitolo enorme da cui dipende la sua vita e parte. Una volta entrata nel Labirinto, però, niente va come previsto. Viene assalita da strane Creature, un misto tra acrobati, danzatori e spiriti dispettosi, che la circondano, la disarmano, la frullano come fosse un frappè, e soprattutto tagliano il filo che le assicurava la via del ritorno. Disorientata, isolata, impaurita, scopre di essere finita in un luogo magico ed eccentrico, un Labirinto, che si esprime con scritte e disegni: ora che ha perso il filo, il Labirinto le lancia un gioco, allegro e crudele per farglielo ritrovare. Superando trabocchetti e prove di coraggio, con il pericolo incombente di un Minotauro affamato di carne umana, viene costretta a svelare ansie, paure, ipocrisie che sono sue come del mondo di oggi e a riscoprire il senso di parole come coraggio e altruismo.

Non mancheranno, come ormai da tradizione, i musical. Sabato 15 dicembre verrà proposto “Priscilla – La regina del deserto”, tratto dall’omonimo film cult “Le avventure di Priscilla – La regina del deserto” – vincitore di un Premio Oscar e del Grand Prix Du Publique al Festival di Cannes. Si tratta di un’avventura “on the road” di tre amici che, a bordo di un vecchio bus rosa soprannominato Priscilla, partono per un viaggio attraverso il deserto australiano alla ricerca di amore e amicizia, finendo per trovare molto di più di quanto avessero mai immaginato.

Ideale per i bambini e le famiglie, domenica 16 dicembre sarà “Geronimo Stilton nel Regno della fantasia”, fedelmente tratto dall’omonima serie best seller edita da Piemme. Lo show racconta le avventure di Geronimo Stilton che insieme a gnomi, folletti e draghi, dovrà salvare la Regina delle Fate Floridiana. Un viaggio in mondi dove i sogni e la fantasia sono il tema principale di una storia che alterna momenti di puro divertimento a musica, colori, emozioni e personaggi fantastici.

Musica, emozioni e sentimenti saranno al centro del musical “Dirty dancing”, in scena venerdì 28 dicembre. La versione teatrale della celebre pellicola, come spesso succede per i film, è un classico da vedere e rivedere per vivere ogni volta tutte le emozioni e la magia di una storia senza tempo. Si potrà assistere “dal vivo” alla storia d’amore tra Johnny e Baby raccontata da musiche e coreografie fedelmente riprese dalla versione cinematografica.

Venerdì 18 gennaio, invece, l’appuntamento è con “We Will Rock You – Il Musical”, ambientato nel futuro fra 300 anni, in un luogo una volta chiamato “Terra” e ora diventato “Pianeta Mall”, vittima della globalizzazione più totale. Un pianeta dove il rock e la musica dal vivo sono bandite e i loro seguaci vivono nascosti. La Global Soft, capeggiata dalla spietata Killer Queen e dal suo collaboratore Khashoggi, cerca di stanare la “resistenza” di un gruppo di Bohemians che si nascondono nel sottosuolo e che, con l’aiuto dello stravagante bibliotecario Pop, tramandano ricordi sbiaditi del tempo glorioso nel quale il rock regnava sovrano sulla terra. Attendono l’arrivo degli eletti che restituiranno la musica al Pianeta, l’ingenuo Galileo e la volitiva Scaramouche, predestinati a ritrovare lo strumento che l’antico dio della chitarra, ha nascosto in un luogo segreto.

Giovedì 14 febbraio, invece, arriverà a Bergamo Steven Wilson, per una delle due date italiane del suo “To the bone Tour” (il 13 febbraio sarà all’Auditorium Manzoni di Bologna e il 14 al Teatro Creberg di Bergamo).

Per concludere, un altro nome che spicca tra le anticipazioni della nuova stagione del Creberg è quello dei Chicos Mambo che martedì 19 febbraio si esibiranno con lo spettacolo “TuTu”. Sul palco ci saranno sei uomini in tutù, al tempo stesso virtuosi danzatori, acrobati e clown.

Gli spettacoli sopra citati avranno inizio alle 21 tranne “Geronimo Stilton nel Regno della fantasia” che comincerà alle 16.

Nell’immagine di copertina Angela Finocchiaro, foto di Stylaz/photomovie

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI