La valutazione

La bergamasca Despe in pole position per la demolizione del ponte di Genova

La società di Torre de' Roveri propone l'utilizzo di pinze idrauliche per eliminare le due strutture monche che continuano a scricchiolare.

La bergamasca Despe, esperta di demolizioni (è intervenuta anche all’aeroporto di Roma Fiumicino per liberarne un’ala dopo l’incendio del 2015) è in pole position, insieme all’emiliana Siag, per la demolizione del ponte di Genova, crollato la vigilia di ferragosto provocando 43 vittime.

Gli esperti di autostrade stanno infatti valutando alcuni progetti di demolizione di ciò che rimane del viadotto, in particolare in ballottaggio ci sono le due aziende. La Despe di Torre de’ Roveri propone la demolizione del ponte attraverso l’utilizzo di pinze idrauliche che, attraverso un’opera di indebolimento delle basi portanti, finirebbero per far crollare le strutture di ponente e di levante.

L’altra ipotesi prevede l’utilizzo di esplosivi ed è l’emiliana Siag che vanta una lunga esperienza e propone un proprio metodo.

Giovedì pomeriggio, annuncia il quotidiano La Repubblica,  la concessionaria potrebbe presentare il piano per la demolizione, mentre in mattinata è in programma a Genova un incontro tra Cassa depositi e prestiti, Autostrade e Fincantieri per valutare gli aspetti tecnici di un eventuale accordo per la ricostruzione del ponte.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
ponte dell'autostrada a Genova
Il crollo
Ponte Genova, i morti salgono a 39, si cercano i dispersi: il ponte sarà demolito
ponte genova progetto renzo piano
Dopo il crollo
Il regalo di Renzo Piano alla sua Genova: un’idea per il nuovo ponte
ponte di Genova
Il riconoscimento
Calcestruzzi: certificazione internazionale per i prodotti utilizzati per il Ponte di Genova
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI