Fondazione Agnelli, Valeria Fedeli sostituisce Sergio Marchionne nel CdA - BergamoNews
La nomina

Fondazione Agnelli, Valeria Fedeli sostituisce Sergio Marchionne nel CdA

La nomina nell’istituto dell’ex ministro dell’istruzione era già stata anticipata nei giorni scorsi dal giornalista Franco Bechis sul quotidiano “Il Tempo”

Valeria Fedeli è un nuovo membro del consiglio di amministrazione di Fondazione “Giovanni Agnelli”.
La senatrice del Partito Democratico, sino al primo giugno scorso ministro dell’istruzione, entra così a far parte dell’istituto fondato nel 1966 occupando il posto lasciato libero dall’ex amministratore delegato di FCA Sergio Marchionne, scomparso il 25 luglio.

Il probabile ingresso della deputata nativa di Treviglio nella fondazione era già trapelato nei giorni scorsi, come annunciato Franco Bechis sul quotidiano romano “Il Tempo”che in un articolo aveva sostenuto come la scelta di Valeria Fedeli in sostituzione di Marchionne fosse già stata presa da tempo, prima che le condizioni del manager precipitassero. A dimostrare tutto ciò vi sarebbe inoltre il fatto che a giugno l’ex ministra avrebbe scritto all’Antitrust per chiedere se l’incarico fosse incompatibile o meno “con il suo essere stata ministro dell’Istruzione fino a poche settimane prima secondo la legge sul conflitto di interessi (che stabilisce alcuni divieti per almeno un anno dalla cessazione dalla carica pubblica)”.

A questo punto Valeria Fedeli siederà nel consiglio di amministrazione di Fondazione Agnelli con il presidente John Elkann, la vicepresidente Tiziana Nasi e i consiglieri Anna Agnelli, Tancredi Campello Della Spina, Gianluigi Gabetti, Giorgio Barba Navaretti, Francesco Profumo (ministro dell’istruzione durante il governo Monti) e Salvatore Rossi.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it