BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Crisi della lira turca pesa sulle borse e banche: Ubi e Banco Popolare tra le più colpite

Ubi Banca, Banco Popolare e Unicredit sono i tre titoli bancari italiani più colpiti dalla crisi della lira turca.

Più informazioni su

Ubi Banca, Banco Popolare e Unicredit sono i tre titoli bancari italiani più colpiti dalla crisi della lira turca.

Ubi perde il 2,89% e chiude a 3,392 euro ad azione, il Banco Popolare chiude a 2,243 perdendo il 3,01% mentre Unicredit lascia sul terreno il 2,58% e scende a 13,42 euro.

Le tensioni turche pesano su tutte le borse: Tokyo ha chiuso in deciso calo con il Nikkei a -1,98%, appesantito anche dal netto rafforzamento dello yen. I listini europei hanno registrato un pesante calo, per poi recuperare sul finale di seduta riducendo di fatto le perdite anche se Milano è la peggiore e termina a -0,58%. Londra scivola dello 0,32%, Parigi sale dello 0,04% mentre Francoforte arretra dello 0,53%.

Lo spread tra Btp e Bund tedesco chiude in deciso rialzo a 278 punti base, da 266 punti della chiusura di venerdì, con il rendimento del decennale italiano è al 3,09%. I titoli di Stato italiani, nell’area euro, sono quelli che soffrono di più, scontando però soprattutto le preoccupazioni dei mercati in vista della prossima legge di Bilancio. Sulla sponda valutaria continua la corsa a yen e dollaro, con l’euro che scivola sotto quota 1,14 ma chiude poi a 1,141 mentre il crollo della lira trascina con sé le valute dei principali Paesi emergenti: forti cali interessano infatti il rand sudafricano, il peso argentino, il real brasiliano e il rublo.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.