Ubriaco si schianta in auto, sempre gravi le condizioni della bimba: in terapia intensiva - BergamoNews
Cinquantenne di bariano

Ubriaco si schianta in auto, sempre gravi le condizioni della bimba: in terapia intensiva

In prognosi riservata all'ospedale Papa Giovanni di Bergamo, la piccola ha riportato diversi ematomi al volto. Denunciato bergamasco alla guida

È ricoverata in terapia intensiva la bimba di 9 anni che mercoledì 8 agosto si trovava in auto con i genitori quando la loro Seat Ibiza si è schiantata con la Daihatsu Materia di un 51enne di Bariano. L’uomo, stando a quanto emerso dalle analisi, aveva bevuto oltre i limiti. Nell’impatto sono rimasti feriti anche il padre della piccola, M.B., 37 anni, e la madre, E.G., oltre al fratellino di 7 anni.

La famiglia, originaria di Codogno (Lodi) si stava dirigendo verso Piacenza. Secondo una prima ricostruzione all’altezza di una curva, una Dahiatsu Materia condotta da L.C., residente nel paese della Bassa, ha improvvisamente sbandato invadendo la corsia opposta. Lo schianto è stato inevitabile e il bergamasco è stato denunciato per lesioni gravissime.

Sul posto sono accorse diverse ambulanze del 118 e i vigili del fuoco di Piacenza, oltre ai carabinieri di Codogno: i feriti sono stati subito soccorsi dal personale sanitario e, dopo le prime valutazioni sul posto, per la bimba è stato disposto il trasferimento d’urgenza all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. È in prognosi riservata al con ematomi al volto.

leggi anche
  • Nel lodigiano
    Frontale tra due auto: grave bimba di 9 anni, denunciato 51enne ubriaco
    ambulanza notte
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it