BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo Segreta: alla scoperta del fiume amato da Leonardo Da Vinci foto

Nuova tappa del viaggio alla scoperta dei luoghi "nascosti" della Bergamasca

Non vi siete mai chiesti dove abbiamo preso spunto Leonardo Da Vinci per l’ambientazione dei suoi dipinti? Se non ve lo siete mai chiesto vi sorprenderà che quei luoghi non sono proprio così lontani da casa vostra.

Stiamo parlando dell’Ecomuseo Adda di Leonardo, posto all’interno del Parco Naturale Regionale dell’Adda Nord, in particolare nel tratto del fiume che va da Villa d’Adda a Capriate San Gervasio. Un paesaggio costernato di rocce e boschi che hanno colpito il genio fiorentino durante il soggiorno milanese presso la corte degli Sforza fra il 1482 ed il 1490 e che lo hanno ispirato per la creazione degli sfondi della “ Vergine delle Rocce” e della “Gioconda” su tutti.

Lo scopo della presenza di Leonardo a Milano non era tanto artistico, quanto più ingegneristico ed una delle poste testimonianze rimaste vive fino a noi si trova ancora una volta nel territorio bergamasco: il traghetto leonardesco che collega Villa d’Adda ad Imbersago. L’esemplare, originario del XVI secolo ed utilizzato per il trasporto di merce e derrate alimentari, era parte di una serie di traghetti che collegavano la Repubblica di Venezia al Ducato di Milano da porti quali Trezzo d’Adda, Paderno d’Adda e Brivio, e ad oggi è l’unico ancora attivo.

Imbarcazione a doppio scafo agganciata ad un cavo teso che collega le due sponde, il traghetto si muove grazie alla corrente del fiume ed è l’unico esemplare di cui è attestata la presenza nei disegni di Leonardo del 1513 presenti nel Castello di Windsor. Come un Leonardo moderno, oggigiorno si può passeggiare a piedi o in bicicletta accanto all’Adda grazie ai sentieri che si diramano da Villa d’Adda fin verso Capriate San Gervasio dalla sponda bergamasca, mentre sulla sponda lecchese / milanese si può partire dal lago di Olginate fino a Cassano d’Adda, ascoltando i suoni della natura e, se siete fortunati, osservando folaghe, gallinelle d’acqua, tuffetti, germani reali ed altri uccelli d’acqua.

I dipinti di Leonardo Da Vinci sono famosi in tutto il mondo, ma se vi capitasse di guardare quei paesaggi e vi venisse la voglia di visitarli, andate sulle sponde dell’Adda ed immergetevi nella natura e nella storia.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.