Quantcast
Il Rotary ricorda Friedel Elzi: "Lascia un vuoto enorme" - BergamoNews
Bergamo

Il Rotary ricorda Friedel Elzi: “Lascia un vuoto enorme”

Giulio Bassi, presidente del Rotary Club Hospital 1 GXXIII, ricorda Friedel Elzi scomparso all'età di 70 anni e instancabile promotore e sostenitore della cultura a Bergamo.

Giulio Bassi, presidente del Rotary Club Hospital 1 GXXIII, ricorda Friedel Elzi scomparso all’età di 70 anni e instancabile promotore e sostenitore della cultura a Bergamo. 

Friedel Elzi è stato l’ideatore e principale promotore della costituzione, nel febbraio 2017, di un nuovo Rotary Club a Bergamo, il Rotary Club Hospital 1 GXXIII, club innovativo e sperimentale perché primo in Europa ad avere la sede presso un Ospedale per significare in modo ancora più forte il vero spirito del Rotary “servire al di sopra di ogni interesse” la comunità ed essere d’aiuto a chi nella nostra società è meno fortunato.

Quando, con il suo solito entusiasmo e contagiosa passione, ci ha prospettato questa nuova avventura nessuno di noi ha saputo dirgli di no.
Friedel Elzi era un rotariano di lunga data e di grande esperienza, attivo e appassionato ogni giorno come se fosse il primo giorno. Era un vulcano di idee e di iniziative, sempre presente, sempre pronto a dispensare consigli e a sdrammatizzare situazioni, anche con battute ironiche. Da Rotariano ha promosso innumerevoli progetti, coinvolto vecchi e nuovi amici valorizzando la cultura della solidarietà e della disponibilità sulla quale si fonda prima di tutto qualsiasi iniziativa di solidarietà.

Come uomo, lascia un vuoto enorme in tutti noi. Oggi ci sentiamo come amici abbandonati perché in lui c’era la capacità di farci sentire importanti uno per uno senza distinzioni dando a ciascuno di noi la soddisfazione di avere un nuovo amico.

Ci mancheranno il suo sigaro, le sue battute, le telefonate e i suoi messaggi e la leggerezza con cui sapeva essere sempre presente senza fare pesare la sua esperienza. Aveva 70 anni ma per noi era un giovanotto con la voglia di fare e l’entusiasmo di un ventenne, una guida e un’ispirazione.

Ci mancheranno il suo stile e la sua classe di uomo di altri tempi. Il dolore di questi giorni lascerà un segno che speriamo non svanisca mai nei nostri cuori nella speranza che anche noi nel nostro piccolo possiamo essere di ispirazione comunicando l’importanza della passione e del sincero impegno in tutto ciò che facciamo per la comunità. per i nostri famigliari e amici e per noi stessi.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Federico Elzi
La scomparsa
Bergamo piange Elzi: dalla Mia al Rotary, il suo impegno per il recupero di Astino
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI