BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Volevamo visitare la val Vertova, ma ci hanno convinto ad andarcene”

Lo sfogo di due lettori a BgNews: "Ci hanno detto che la distanza da percorrere era tanta, che il luogo sarebbe stato sporco e affollato". Alla fine "la gente locale era stanca di dover condividere quel luogo con altre persone - hanno concluso -. Venivamo considerati 'invasori'"

Riceviamo e pubblichiamo la lettera (firmata) che due lettori di Bergamonews hanno inviato alla redazione. Oggetto, un’escursione in Val Vertova non andata esattamente come si aspettavano.

La lettera

“Desiderosi di fare un’escursione in Val Vertova ci siamo recati in loco dovo purtroppo abbiamo trovato un divieto di accesso agli autoveicoli posto in una zona distante circa un paio di chilometri dal primo spiazzo all’inizio delle passeggiate. A questo blocco veniva indicato che era in funzione un servizio di bus navetta che avrebbe consentito di raggiungere l’inizio dei sentieri.

Questo servizio navetta però non era funzionante; poco male con tanta buona volontà ci siamo incamminati, compresa una persona con difficoltà di movimento. Quello che poco dopo ci ha fatto desistere è stato un comportamento scorretto di persone del luogo che in tutti i modi hanno cercato di disincentivarci. Ci è stato detto che la distanza ancora da percorrere sarebbe stata di diversi chilometri, che il luogo di arrivo sarebbe stato molto sporco, che non avremmo trovato posto perché terribilmente affollato. Tutto questo per poi concludere che la gente locale era stanca di dover condividere quel luogo con altre persone e che venivamo considerati come “invasori” di una proprietà privata. Al momento ci siamo sentiti di dare fastidio e siamo tornati a casa ma col senno di poi riteniamo di aver subito un torto notevole che purtroppo scioccamente abbiamo in quel momento accettato. Vogliamo segnalarlo in modo che altri non si lascino condizionare dalla maliziosa cattiveria di chi crede di poter requisire una parte di mondo.

Ci ripromettiamo di tornare in Val Vertova e di non subire più questi atteggiamenti intimidatori che tristemente abbiamo avuto modo di constatare in gente terribilmente egoista che non è capace di valorizzare un bene comune ma che ritiene di poterlo porre sotto sequestro ad uso e beneficio puramente personale. Auspichiamo inoltre che il Comune di Vertova possa garantire il servizio di BUS navetta (per altro a pagamento) anche nei giorni feriali soprattutto nel periodo estivo.

Lettera firmata

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Vale Brignoli

    Concordo.. La strada è chiusa al traffico 4 o 5 km prima del sentiero dovendo fare tutta la strada sotto il sole a 32 gradi con i spalle la bimba di un anno la lascio dove parte la chiusura strada costretto dal fatto che pure il bus navetta non funziona.. Mi trovo un cafone con un gazebo e pettorina con scritto ‘servizio volontario’ che intima di non Lasciare il mezzo pena la multa.. E io risposi che parcheggi non c’è n’erano la sua risposta è quella che nessuno mi obbliga a visitare la val Vertova. Non si sa a quale titolo questo’volontario ‘dirige il traffico senza autorizzazione a parte il fatto che non deve aver di meglio da fare e che sia una spia per la polizia locale .. Dopo aver risposto al’ volontario’ignorante che sostanzialmente tutto questo era un teatrino
    Architettato ad arte per fare cassa con le multe.. Mi incammino e torno circa dopo due ore… E più puntualmente mi trovo il verbale di 41 euro redatto solo 30 minuti dopo il mio arrivo..
    Grazie comune di Vertova e i suoi volontari