BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Colpita e ferita ad un occhio Daisy Osakue, campionessa azzurra di origine nigeriana

Domenica sera stava tornando a casa con un gruppo di amiche, a Moncalieri, in provincia di Torino, ma in corso Roma è stata colpita al volto da un lancio di uova provenienti da un Fiat Doblò.

Più informazioni su

Daisy Osakue, campionessa azzurra di origine nigeriana, domenica sera stava tornando a casa con un gruppo di amiche, a Moncalieri, in provincia di Torino, ma in corso Roma è stata colpita al volto da un lancio di uova provenienti da un Fiat Doblò.

L’attacco è avvenuto all’1,30 di domenica sera. La giovane campionessa è stata soccorsa dai medici di un’ambulanza e in seguito trasportata all’ospedale Oftalmico dove le è stata riscontrata una lesione alla cornea. L’atleta, specialista nel lancio del disco, ha un occhio tumefatto e dovrà essere sottoposta ad un intervento per rimuovere frammenti di guscio d’uovo dall’occhio. Sarebbe in dubbio la sua partecipazione ai prossimi campionati europei.

Nata a Torino il 16 gennaio del 1996, Daisy detiene la quarta migliore prestazione italiana di tutti i tempi nel lancio del disco. Attualmente si allena in Texas e si trova in Italia per le vacanze.

IL COMMENTO DI ASSIST
“Un fatto gravissimo. Un’atleta della Nazionale italiana di atletica , Daisy Osakue, è stata aggredita a Moncalieri mentre rincasava – commenta Assist – Associazione Nazionale Atlete -. Un gruppo di giovani criminali, secondo quanto riportano i media, l’ha colpita senza apparente motivo in piena faccia e ridotta come vedete. Non solo come Assist testimonialo solidarietà alla donna e all’atleta Daisy, ma vogliamo dire forte e chiaro se come pare la motivazione dell’aggressione sarà legata a motivi razziali che noi non ci stiamo! E vogliamo dire forte e chiaro che questo clima di odio contro le persone di colore, contro gli immigrati, contro chiunque sia “diverso” non è un caso. Chiediamo al Ministro degli Interni e a tutte le forze politiche di sostenere e praticare quel rispetto reciproco che abita nella nostra Costituzione e chiediamo al Parlamento tutto, con in testa il Capo dello Stato e il Presidente del Consiglio, di porre subito rimedio con strumenti idonei a questa spaventosa escalation di odio. Chiediamo ai grandi campioni e campionesse di prendere posizione su questa situazione pericolosa e indegna per chiunque creda nei valori veri dello Sport. Daisy rischia di non andare agli Europei e noi facciamo il tifo per lei, invece, perché possa rappresentare egregiamente l’Italia come ha sempre fatto e sempre farà. Lanciamo l’hastagh #forzadaisy e condividiamo!”

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.