Danni e alluvioni del 2016: dalla Regione 600mila euro per la provincia di Bergamo - BergamoNews
I fondi

Danni e alluvioni del 2016: dalla Regione 600mila euro per la provincia di Bergamo

Il Dipartimento della Protezione Civile ha approvato quattro interventi di ripristino a Entratico, Olmo al Brembo, Piazzatorre e San Giovanni Bianco: si aggiungono ai 15 già attivati nel corso dello scorso anno.

Seicentomila euro per quattro interventi di ripristino dei danni provocati dalle alluvioni del 2016 in provincia di Bergamo: sono risorse che Regione Lombardia ha reperito e destinato ai Comuni di Entratico, Olmo al Brembo, Piazzatorre e San Giovanni Bianco e che si aggiungono a quanto già stanziato lo scorso anno per provvedere a tutta una serie di opere di messa in sicurezza e di riparazione del patrimonio pubblico.

Quattro interventi approvati dal Dipartimento della Protezione Civile, insieme a un quinto a Chiavenna, in provincia di Sondrio, dove saranno impiegati 400mila euro per opere di difesa idraulica a tutela del centro abitato sul torrente Mera.

“Con questi ulteriori fondi che siamo riusciti a recuperare grazie ai ribassi d’asta sulle gare d’appalto e che abbiamo voluto mettere immediatamente a disposizione delle zone colpite dall’alluvione del 2016, complessivamente sono stati sinora finanziati interventi per 3 milioni e 500.000 euro, di cui 400.000 con fondi messi direttamente a disposizione da Regione Lombardia – ha commentato l’assessore regionale al Territorio e Protezione Civile Pietro Foroni – Per quanto riguarda i danni che hanno subito i privati, sia alle abitazioni che alle attività produttive, mi sono attivato da subito con la Protezione civile perchè l’iter procedesse speditamente. Infatti, dal momento che il Governo centrale ha riconosciuto a suo tempo lo stato di calamità naturale per questi disastri, i fondi devono arrivare direttamente dal Dipartimento della Protezione Civile. In questi giorni sono stati stanziati 170 milioni a livello nazionale ed è ora in atto la ripartizione dei fondi a livello regionale: mi auguro che tali fondi possano anche essere incrementati per far fronte a tutte le necessità. Nei prossimi giorni scriveremo agli 81 Comuni interessati dall’alluvione annunciando che a meta’ agosto inizierà l’iter di raccolta delle domande di risarcimento per i danni già segnalati all’epoca da parte dei privati”.

Per la provincia di Bergamo i fondi sono stati così ridistribuiti: a Entratico 150mila euro per intervento di consolidamento delle sponde del ponte e delle briglie del torrente valle Molino/Piazzi, ripristino e riprofilatura dell’alveo e interventi vari sulla viabilità; a Olmo al Brembo 150mila euro per interventi sull’alveo, ricostruzione dell’arginatura e sistemazione delle frane in due località comunali; a Piazzatorre 100mila euro per manutenzione delle barriere paramassi esistenti e realizzazione di nuove barriere; a San Giovanni Bianco 200mila euro per una serie di interventi tra i quali la sistemazione della frana in via Santuari, ripristino di strade, reti di raccolta e smaltimento acque piovane, realizzazione di nuove opere sugli argini, e formazione di un nuovo collettore e di un muro di contenimento.

Questi interventi si vanno ad aggiungere ai 15 già attivati nel corso del 2017 a Viadanica, Adrara San Martino (2 interventi), Albano San Alessandro, Berzo San Fermo, Foresto Sparso, Algua, Cornalba, Sarnico, San Paolo D’argon, Costa Serina, Oltre il Colle, Ornica e Camerata Cornello.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it