Sammy Basso più forte della sua malattia: laurea in Fisica con 110 e lode - BergamoNews
Esemplare

Sammy Basso più forte della sua malattia: laurea in Fisica con 110 e lode

Il 23enne di Tezze sul Brenta, in provincia di Vicenza, è uno dei cinque italiani affetti da progeria, una rara malattia genetica conosciuta come 'sindrome da invecchiamento precoce'

Un'altra grande vittoria per Sammy Basso, che si è laureato in Fisica con 110 e lode. Il 23enne di Tezze sul Brenta, in provincia di Vicenza, è uno dei cinque italiani affetti da progeria, una rara malattia genetica conosciuta come 'sindrome da invecchiamento precoce'.

L'annuncio lo ha dato l'università di Padova su Twitter: "Complimenti a Sammy Basso da anni simbolo e promotore del sostegno alla ricerca scientifica sulla progeria che oggi si è laureato in Scienze".

L'Università di Padova in questi anni ha attivato una sinergia tra ufficio disabilità, personale docente e tecnico che ha reso possibile il percorso inclusivo di Basso. "Proprio per il virtuoso movimento che c'è stato, alla laurea sono state invitate come membri della commissione la prorettrice alla Didattica Daniela Mapelli e la delegata in Materia di Inclusione e Disabilità Laura Nota. Inoltre è stato presente anche il co-tutor Carlos Lopez Otin (Instituto Universitario de Oncologia, Universidad de Oviedo, Spagna), presso il quale Sammy fatto la tesi sulla progeria in Erasmus", fanno sapere dall'ateneo.

Il ragazzo insieme alla sua famiglia è impegnato in diverse iniziative a favore della ricerca sulla rara malattia di cui soffre dalla nascita, anche attraverso la fondazione Associazione Italiana Progeria Sammy Basso onlus. “Non ho un grande coraggio, ho la mia famiglia e i miei amici che mi vogliono bene” aveva detto nel 2015 quando venne ospitato da Carlo Conti sul palco di Sanremo.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it