BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Imd Generators, dove nasce il cuore delle macchine a raggi X per il settore medico fotogallery

Il forte connubio tra tradizione, lavoro manuale e innovazione è la particolarità dell'azienda che nel 2011 ha incorporato la PSM s.r.l. con lo scopo di realizzare una delle più grandi produzioni di Generatori a raggi X del settore.

Più informazioni su

Un monoblocco con una potenza pari a 50 kW, realizzato dalla IMD Generators di Grassobbio, posizionato su un tavolo per la diagnostica, per gli esami di routine: dai raggi X per radiografia alle anche, al torace, fino al cranio. Per il settore si tratta di una vera e propria rivoluzione se si pensa che la potenza massima raggiunta dai monoblocchi presenti sul mercato non supera i 40 kW, e per potenze maggiori serve utilizzare un generatore.

IMD generators

“Stiamo portando sul mercato – spiega Laura Bresciani, sales manager di IMD Generators -, un monoblocco capace di una maggiore potenza. Un prodotto innovativo perché consente un significativo risparmio economico e ci permette di affrontare nuovi mercati”.

L’azienda di Grassobbio produce monoblocchi, generatori e inverters. Questi ultimi sono componenti fondamentali per produrre una macchina a raggi X. “Dopo la presentazione del nuovo progetto, lo scorso novembre, alla fiera ‘Medica’ di Düsseldorf – continua Bresciani -, abbiamo già ricevuto diverse richieste. Questo progetto consente di avere la parte di potenza in un unico prodotto e di ridurre i costi sulla macchina completa. Nei nostri laboratori stiamo effettuando rigorosi test sul nuovo monoblocco, con ottimi risultati. Siamo fiduciosi che entrerà sul mercato entro fine anno” .

La IMD nasce nel 1995, dalla volontà di creare un’azienda punto di riferimento per il settore radiologico. Nel 2011 incorpora la PSM s.r.l. con lo scopo di realizzare una delle più grandi produzioni di Generatori a raggi-X del settore. Oggi Imd Generators fa parte del gruppo Imd spa che controlla altre due aziende, sempre del settore.

“La nostra azienda ha come obbiettivo la ricerca e lo sviluppo di soluzioni che permettano un ottimale utilizzo della tecnologia dei generatori radiogeni a monoblocco ad alta frequenza, per impiego di tipo sia medicale che industriale”.

La realtà di Grassobbio si occupa sia della progettazione che della produzione di componenti per le apparecchiature elettromedicali, ovvero della testata raggi che rimane il componente più critico in un sistema completo radiologico.

I prodotti IMD hanno una svariata destinazione, possono essere utilizzati per sistemi di diagnostica, di mammografia, di cardiologia, applicazioni dentali, densitometria ossea e sistemi da corsia, ma anche per veterinaria e sistemi industriali non invasivi.

“Diversi anni fa, ad un coltivatore di ostriche australiano, abbiamo fornito un nostro monoblocco per verificare la presenza e monitorare la crescita di eventuali perle”.

“La IMD Generators – continua la direttrice commerciale – si propone come partner ideale per la realizzazione della componente radiologica di sistemi medicali o di controllo industriale non invasivo, mettendo a disposizione l’esperienza maturata negli anni grazie anche alla collaborazione con multinazionali, così da attingere metodologie da un bagaglio di informazioni e di processi tecnologici di alto livello nell’industrializzazione dei sistemi, del loro interfacciamento e della loro certificazione”.

L’azienda di Grassobbio produce circa 4000 componenti l’anno, incrementando annualmente sia la produzione che il fatturato. Il 2017 si è chiuso con un giro d’affari di circa 8,800 milioni di euro e nel primo semestre 2018 ha registrato una crescita del 10% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. “L’adattabilità alla specifica necessità applicativa è il nostro punto di forza -spiega Bresciani-, permette l’ottimizzazione del progetto con una considerevole ed importante riduzione dei costi, mantenendo sul mercato un elevato rapporto qualità/prezzo che da sempre ci contraddistingue”.

La IMD è conosciuta su tutto il territorio mondiale per innovazione e qualità, segue ogni singolo cliente nelle sue richieste, lavora con multinazionali come Philips e negli ultimi anni sta affrontando un piano di espansione nel far-east, un mercato difficile sia economicamente sia culturalmente, “nonostante questo stiamo acquisendo nuovi clienti in India, in Cina e in Corea del Sud. Sicuramente la concorrenza si sente ma con il nostro prodotto esclusivamente europeo e di qualità riusciamo a penetrare anche i mercati più difficili”.

Laura Bresciani, direttore commerciale, lavora in IMD da quasi 15 anni e si occupa sia delle vendite nazionali che internazionali. “Sono la seconda generazione in quanto mio padre Giancarlo Bresciani, oltre ad essere amministratore delegato, è anche uno dei soci. Da tre anni sono anche responsabile delle risorse umane, un ruolo che ogni giorno mi sta facendo crescere umanamente e professionalmente”.

Il percorso di Laura in azienda è iniziato dopo una breve esperienza maturata in un’altra impresa, secondo la classica gavetta: “Prima al centralino, poi archivio e fotocopie. In seguito sono passata all’ufficio acquisti e all’after sales. Oggi mi occupo del settore commerciale. L’iter mi ha permesso di crescere e comprendere strategie e dinamiche aziendali per raggiungere un obiettivo comune e condiviso”.

“In IMD -continua la direttrice commerciale di IMD Generators- attualmente lavorano 35 persone, che vengono formate e motivate costantemente, due elementi che crediamo siano fondamentali per la buona riuscita lavorativa di ogni giorno. Lavoriamo quotidianamente per migliorare la nostra squadra in modo che anche i prodotti siano migliori e i clienti soddisfatti”.

Il forte connubio tra tradizione, lavoro manuale e innovazione è la particolarità della IMD di Grassobbio. “I nostri monoblocchi sono realizzati manualmente. Dopo la parte di assemblaggio, la testata viene riempita di olio industriale che ha la funzione di isolamento. Entra in un’autoclave dove rimane per almeno 48 ore. Alla fine di questo vuoto, dopo un’accorta pulizia, viene passato al collaudo per concludere la sua produzione”. I monoblocchi sono realizzati esclusivamente con componenti europei per garantire un’elevata qualità.

“Passione, costante ricerca dell’innovazione e qualità -conclude Bresciani- ci spingono a migliorarci ogni giorno. Lavoriamo in sinergia. I diversi uffici sono strettamente legati fra di loro, ogni persona in azienda è un pezzo che fa parte dello stesso puzzle. L’attenzione, la precisione come la pulizia sono fondamentali nella nostra produzione”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.