BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ronaldo alla Juve: risvolti pratici e spunti romanzeschi del colpo del secolo

Valutiamo ogni sfaccettatura dell'acquisto che ha sbalordito il mondo, che incorona la Juventus e che riporta il calcio italiano ai vertici del football mondiale; un'operazione suggestiva e titanica che rivoluziona l'entità dello sport più amato del pianeta

Più informazioni su

Sembrava un sogno…un’idea utopistica che solo un folle avrebbe potuto pronosticare e immaginare. Spesso, però, non ci si rende conto che i folli sono semplici sognatori, che trasformano il mondo, trascurando la razionalità. Tutto nasce, con poetica probabilità, dalla standing ovation del popolo bianconero al termine dell’iconica rovesciata del marzo scorso: Cristiano è incredulo, quasi sbalordito, ringrazia i tifosi avversari e porta la mano sul proprio cuore, compiendo un gesto che farà il giro del mondo e che, 4 mesi dopo, diventerà simbolo di questo trasferimento.

La Juventus ha realizzato il colpo del secolo, un’operazione sportivamente apocalittica e senza precedenti. Un giocatore straordinario, professionista impareggiabile, che incarna e trasmette i valori dello sport, del sacrificio e della cultura del lavoro. Ronaldo ha saputo valorizzare le doti che madre natura gli ha donato, attraverso una maniacale cura dei dettagli, determinata da un’ossessiva dedizione negli allenamenti e alla ricercatezza del perfetto stile di vita, che lo ha reso, indiscutibilmente, il miglior atleta della storia del football e, quantomeno, uno dei primi cinque calciatori di sempre. Per la Juventus, acquistare Ronaldo significa acquistare un’azienda, un marchio unico, un’icona sportiva conosciuta e ammirata dall’intero pianeta e un leader indiscusso, giocatore decisivo come nessun altro nei momenti-chiave della stagione.

Cristiano è stato capace di vincere, tra gli altri trofei, 5 Palloni d’Oro, 1 Europeo, 5 campionati e 5 Champions League da assoluto e inesorabile protagonista; ha scritto la storia del Manchester United, ha realizzato 451 reti in 438 partite col Real Madrid, diventandone il giocatore più importante di sempre e ha portato la propria Nazionale sul tetto d’Europa. La Juve accoglie un giocatore totale, che alimenta profondamente il sogno di vincere la tanto agognata Champions League, che manca dal lontano 1996. Ronaldo era l’alibi bianconero delle sconfitte, l’uomo che rendeva il Real Madrid irraggiungibile, una variabile decisiva nelle gerarchie europee; da oggi, però, Cristiano non sarà più l’artefice delle sconfitte, ma l’arma letale delle possibili vittorie, un giocatore che trasforma l’ossessione di vincere nell’obbligo di trionfare. Da un punto di vista economico, inoltre, l’operazione Ronaldo consente alla Juventus e al calcio italiano di tornare ai vertici del football mondiale: avere tra le proprie fila il giocatore più popolare del globo terrestre consente alla Juve di annullare, o quantomeno ridurre, il gap con i grandi club d’Europa, garantendosi una netta crescita del fatturato, determinata dal circolo virtuoso economico che Cristiano scaturirà. Per la Serie A si tratta dell’acquisto più importante di sempre, superiore persino a Platini, Van Basten e Maradona. Un avvenimento che riporterà in Italia il focus di curiosità di centinaia di milioni di appassionati in giro per il mondo.

Questo colpo di mercato non deve abbattere le altre società del nostro Paese, ma deve fungere da avvenimento pionieristico per le ambizioni di ogni singolo club del nostro calcio. Ricordiamo che la Juve, 10 anni fa, durante un periodo sportivamente drammatico, ha avuto il coraggio e l’ambizione di investire, realizzando uno stadio di proprietà che, fin dall’inaugurazione, l’ha resa una corazzata imbattibile per 7 anni consecutivi. Questo deve far riflettere, nel profondo, ogni singolo presidente e dirigente, perchè se oggi la Juventus ha potuto compiere l’acquisto del secolo, è grazie alla capacità di aver saputo trasformare i propri sogni in realtà.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.