BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Olimpiadi, Milano e la Lombardia verso la candidatura: “Intanto Bergamo dorme”

Il duro attacco di Matteo Oriani, ex consigliere provinciale di Forza Italia: "Stanno tutti lavorando per i Giochi invernali 2026, ma nella nostra terra nessuno fa niente. Perché?"

Mentre a Milano si sta lavorando per provare a portare le Olimpiadi invernali in terra lombarda, c’è qualcuno che guarda da spettatore senza fare niente. È l’attacco – durissimo – che l’ex consigliere provinciale di Forza Italia Matteo Oriani fa a Bergamo.

“Le possibilità vi sono – ha scritto in un lungo post pubblicato sul suo profilo Facebook -, ma ho come la sensazione che Bergamo guardi con disinteresse alle Olimpiadi, come se fosse un qualcosa di Milano e della Valtellina e che non si possa tentare di aderirvi a livello di sistema”.

Matteo Oriani

“Forse il PD orobico – ha continuato -, che governa Provincia e Comune, non crede nella candidatura, o magari tifa contro, perché promossa dalla Regione a guida Fontana, ma le Olimpiadi sono anche della Milano di Sala. Forse il centrodestra ha deciso di lasciare la partita a Milano e alla Valtellina non ritenendo di poter competere”.

L’attacco si conclude con un invito: “C’è ancora tempo per rimediare – ha scritto Oriani -, Bergamo sveglia!”.

Il post pubblicato dall’ex consigliere provinciale ha ricevuto, pochi minuti dopo essere finito online, il like e un commento da parte dell’assessore regionale Lara Magoni.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.