BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuovi suoni live: vince la giovane band Pau Amma fotogallery

Si è concluso il concorso musicale che da 16 anni dà l’opportunità alle giovani band di Bergamo di esibirsi in spazi e festival della città e che premia le più talentuose

Si è concluso il concorso musicale che da 16 anni dà l’opportunità alle giovani band di Bergamo di esibirsi in spazi e festival della città e che premia le più talentuose con un premio in denaro finalizzato a sostenere il loro percorso di crescita artistica.

Nuovi Suoni Live 2018

Le finali si sono svolte all’interno dello spazio giovani Edoné venerdì 29 giugno. Tre le band in gara a vincere sono stati i Pau Amma che si sono aggiudicati il premio di 3000€ , il secondo premio, invece, è stato conquistato dagli Hobost in Dust che ha vinto 500€. Terzo posto, invece, per Low Polygon.

La band vincitrice è composta da Gregorio Manenti – Chitarra, Tastiere, Cori, Giulio Mastropietro – Voce, Tastiere, Andrea Moriggi – Basso, Cori e Alessandro Seminati – Batteria, che sono stati premiati grazie al loro impegno e alle innumerevoli ore di prove. Emozionatissimi e felici della vittoria, i quattro ragazzi si sono raccontati a noi di BGY subito dopo la premiazione nella calda serata di venerdì, raccontandoci i retroscena della loro partecipazione a Nuovi Suoni Live e al loro futuro con il premio appena vinto.

Nuovi Suoni Live 2018

Il cantautore e chitarrista Omar Pedrini ha chiuso l’esibizione delle tre band annunciando, a fine serata, il vincitore e intrattenendo il pubblico mentre la giuria dava i voti con le sue canzoni: “Ho sentito veramente, e lo dico con convinzione, tre band straordinarie – ci ha raccontato in un’intervista a fine serata – una qualità molto, molto apprezzabile. Sono tre band completamente diverse una dall’altra: mi hanno veramente conquistato ed è stata una serata molto bella. Auguro a tutti i gruppi di continuare sulla loro strada e di non abbandonare la loro identità, sempre originale. È facile stupire con le cover alla loro età, è invece necessario non abbandonare i propri tratti distintivi. Evviva la musica, sempre!”

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.