BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Chiese più accessibili per ciechi e ipovedenti: merito di un gruppo di studenti foto

Da inizio giugno gli studenti della 4X geometri dell’Istituto Superiore Lotto di Trescore Balneario hanno lavorato alla rilevazione delle chiese dei Santi Fermo e Rustico a Credaro e di Sant’Alessandro in Agros, a Villongo: un'utilissima esperienza di alternanza scuola-lavoro.

Studiare le forme e i loro significati, le linee di uno spazio attraversato dai secoli e dalla storia per restituirlo alle persone, oltre ogni limite.

“RomanicaMente per tutti” è un’idea di alternanza scuola lavoro nata all’interno di RomanicaMente, progetto che vede capofila il Sistema Bibliotecario Seriate Laghi in collaborazione con l’ Associazione Il Romanico nel basso Sebino e l’Associazione Muse. L’intero progetto è finanziato da Fondazione Cariplo.

In questa alternanza scuola-lavoro sono state sfruttate le possibilità e le tecniche di analisi e misurazione di uno spazio architettonico, come il patrimonio romanico del basso Sebino, per ampliare l’accessibilità fisica e culturale di questi luoghi anche alle persone ipovedenti e non vedenti.

Da inizio giugno gli studenti della 4X geometri dell’Istituto Superiore Lotto di Trescore Balneario hanno lavorato alla rilevazione delle chiese dei Santi Fermo e Rustico a Credaro e di Sant’Alessandro in Agros, a Villongo, imparando a utilizzare software professionali per la modellizzazione e a riprodurle con la stampa 3D.

Un’esperienza, supportata dall’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Bergamo e patrocinata dal Collegio Geometri e Geometri laureati di Bergamo durante la quale i ragazzi, guidati da Andrea Cammarata e Stefano Gioacchini del Politecnico di Milano, da Marco Nembrini dell’Istituto ABF, da Francesco Cortesi dell’associazione Il Romanico nel basso Sebino e dal Presidente dell’Unione ciechi della sezione di Bergamo Claudio Mapelli, hanno potuto sperimentare programmi e tecnologie innovative, mettendo in campo tutte le loro conoscenze nell’ambito del disegno tecnico, topografia, tecnologia delle costruzioni e storia per realizzare la navigazione virtuale di un modello BIM (Building Information Modeling) della chiesa di Credaro, il modello in 3D della chiesa di Villongo e le mappe tattili di entrambe le chiese.

studenti trescore

Fondamentale è stato il contributo dei promotori e dei partner del progetto: l’Istituto Lotto ha fornito tutti i mezzi necessari per fare i rilevamenti, l’associazione Il Romanico nel basso Sebino ha invece messo a disposizione la stazione totale e la strumentazione GPS, software e Archicad sono arrivati invece dalla società Graphisoft, mentre l’Azienda Bergamasca Formazione di Trescore Balneario ha aperto le porte del suo laboratorio stampanti 3D alla classe.

L’iniziativa si inserisce nel programma triennale del progetto “RomanicaMente. Itinerari di storia e cultura nel basso Sebino” per la valorizzazione dei territori del basso Sebino e la riscoperta delle antiche evidenze romaniche. L’obiettivo è arricchire il territorio e le comunità attraverso la proposta di itinerari alternativi che collegano i comuni di quest’area geografica ai loro beni artistici, attraverso la partecipazione attiva dei cittadini. In tre anni sono stati proposti percorsi nelle scuole, primarie e secondarie di primo e secondo grado, workshop e incontri per adulti nei diversi punti della rete bibliotecaria territoriale, rassegne corali e concerti ospitati nelle chiese romaniche del territorio. Inoltre, è stato formato un team di operatori che oggi collaborano con le associazioni capofila nell’organizzazione di laboratori didattici dedicati a pubblici differenti.

Un modello virtuoso che ha rafforzato il legame tra cultura, diffusione del sapere attraverso scuole, biblioteche, il mondo del lavoro e le persone che vivono il territorio. E che si presenta oggi come strategia di promozione capace di coinvolgere studenti, insegnanti, volontari, professionisti in una riflessione attiva sulla propria identità culturale.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.