BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Se sulla nave Lifeline ci fossero 219 tra cagnolini e micetti: quanti di voi li adotterebbero?

C'è una nave in mezzo al Mediterraneo, la Lifeline, a bordo della quale ci sono 219 PERSONE che sono bloccate da giorni. Persone intese come esseri umani, come voi, per intenderci.

No. Non è una provocazione. È una domanda seria. E se siete arrivati qui, superando lo scoglio del titolo allora abbiate anche il coraggio e la forza di andare avanti.

C’è una nave in mezzo al Mediterraneo, la Lifeline, a bordo della quale ci sono 219 PERSONE che sono bloccate da giorni. Persone intese come esseri umani, come voi che state leggendo per intenderci.

Non è possibile che questo Paese, che si chiama Italia, resti immobile e ostaggio di politici disumani che permettono questo trattamento verso i propri simili.

Basta slogan e prove di forza.

Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini spieghi il suo piano, se lo ha, per affrontare un problema serio come questo dell’immigrazione dal Nord Africa all’Europa.

E risparmiatemi i commenti “prendili tu in casa”, “prima gli Italiani”, “prima i terremotati” o “prima i poveri che abbiamo a casa nostra” perché non c’è nessun caso degno di salire agli onori della cronaca. Nessuno di coloro che sostengono a pappagallo queste affermazioni si è mai portato a casa un terremotato o un povero disoccupato.

Se su quella nave ci fossero cuccioli di cane o duecento micetti ci sarebbe la corsa per salvarli. Purtroppo sono solamente uomini, poveri, che fuggono dalla miseria.

E permettetemi di esprimere tutta la mia vergogna nell’essere italiano se per essere italiani bisogna condividere questa politica disumana, e ho anche un po’ di critica su questo Paese che si inchina a Santi e Madonne e scorda la carità o non prova un briciolo di pietà.

Ditemi che adesso la finiamo con questi slogan e torniamo a costruire un mondo dove le persone siano trattate e rispettate per quello che sono.

“Restiamo umani” come concludeva ogni suo articolo Vittorio Arrigoni, l’attivista e scrittore italiano, rapito e ucciso a Gaza nel 2011.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Opencoz

    Pensi che solo a Bergamo di cagnolini ce ne sono 16.000…

  2. Scritto da Dubbioso

    Ma perchè deve valere solo per l’Italia questa situazione?perchè dovremmo “salvare” solo noi i migranti,non c’è logica,chiedo numi…

  3. Scritto da residente

    e anche vero che se avessi già preso più di 60.000 tra cagnetti e micetti in casa mia………….. questi non li prenderei!!!

    1. Scritto da traveller67

      da quel che ne sò cagnetti e micetti non spacciano non rubano e non rompono i coglioni al semaforo