BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pessano-Roncola, vince Di Renzo: batte Scaroni e Covilli fotogallery

Lunga 142,2 chilometri, ha preso il via dal comune brianzolo ed ha visto come protagonisti il veneto Mattia Cristofaletti (Zalf Euromobil Desiree Fior) e l’irlandese Mark O’Callaghan (Cyberteam ASD), che hanno contrastato l’avanzata del gruppo sino a 19 chilometri al traguardo, nei pressi di Almenno San Salvatore

Sono serviti diversi allunghi ad Andrea Di Rienzo per conquistare la 36° edizione della Pessano-Roncola-36° Trofeo MP Filtri, corsa nazionale dedicata alla categoria Under 23 – Elitè che ha visto il proprio epilogo nella mattinata di domenica 24 giugno nel centro del comune bergamasco. Il ventitreenne abruzzese in forza alla VPM – Porto Sant’Elpidio ha conquistato la classica per scalatori davanti al bresciano Christian Scaroni (Petroli Firenze Hopplà Maserati) ed all’emiliano Luca Covili (Mastromarco Sensi FC Nibali), che nel finale hanno provato a rientrare.

La gara, lunga 142,2 chilometri, ha preso il via dal comune brianzolo di Pessano con Bornago ed ha visto come protagonisti il veneto Mattia Cristofaletti (Zalf Euromobil Desiree Fior) e l’irlandese Mark O’Callaghan (Cyberteam ASD), che hanno contrastato l’avanzata del gruppo sino a 19 chilometri al traguardo, nei pressi di Almenno San Salvatore.

Sin dalle prime rampe della salita salendo verso Roncola San Bernardo il gruppo si è spezzato in due, con quaranta atleti rimasti davanti da cui sono fuoriusciti Andrea Di Renzo, Aldo Caiati (Zalf Euromobil Desiree Fior), Filippo Capone e Alessandro Frangioni (Futura Team – Rosini), Luca Covili, Giuseppe La Terra Pirrè (Mastromarco Sensi FC Nibali), Nicholas Cianetti, Matteo Natali e Christian Scaroni (Petroli Firenze Hopplà Maserati). A sei chilometri dall’arrivo Andrea Di Renzo ha sferrato l’attacco decisivo che gli ha permesso di lasciare la compagnia del quartetto composto da Caiati, Frangioni, Scaroni e Covili nel frattempo formatosi, ed è transitato al gran premio della montagna di Roncola Alta con 20 secondi di vantaggio, vantaggio sufficiente per contrastare la rimonta degli inseguitori.

“Sapevo che potevo vincere – confessa Di Renzo – Avevo studiato tutta la settimana la gara ed anche negli allenamenti svolti lungo il Passo Lanciano avevo buone sensazioni. Ai 500 metri ho visto Scaroni rientrare, però davanti a me ho scorto anche lo striscione del traguardo ed ho dato tutto”.

Nonostante il secondo, soddisfazione anche per il bresciano Scaroni : “Negli ultimi metri ho dato tutto. Nelle ultime curve ho staccato i miei avversari, tuttavia non sono riuscito a raggiungere Di Renzo”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.