BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Motorizzazione, soluzioni cercasi: “Subito nuovi funzionari, poi sale esami più grandi”

I deputati bergamaschi portano il caso sul tavolo del direttore generale Segio Dondolini

Motorizzazione, qualcosa si muove. In questi giorni, la delicata situazione che riguarda la sede di Bergamo è stata portata sul tavolo del direttore generale della Motorizzazione ing. Sergio Dondolini da una delegazione parlamentare composta dai deputati bergamaschi Daniele Belotti, Alberto Ribolla, Rebecca Frassini (Lega), Stefano Benigni (Forza Italia) e Guia Termini (Movimento 5 Stelle).

“Abbiamo rimarcato con decisione le difficoltà che incontrano gli operatori delle scuole guida e delle agenzie di pratiche automobilistiche, le aziende di autotrasporto e i semplici automobilisti bergamaschi costretti a tempi lunghissimi per le pratiche o addirittura a trasferimenti a Lecco per poter svolgere le prove di esame teorico per la patente – spiegano i deputati -. La direzione generale, che peraltro conosce la difficile situazione della sede di Bergamo, dopo aver sottolineato la pesante carenza generale di organici (dai 7.000 dipendenti dei primi anni 2.000 si è passati agli attuali 3.500), ha risposto alla nostra sollecitazione garantendo un rinforzo già dai prossimi giorni di un paio di funzionari a supporto dei 33 operatori effettivi in servizio, l’ampliamento delle sale esami in modo da poter aumentare il numero degli esaminandi, il ritorno da settembre di Bergamo come sede degli esami teorici e il rinforzo dell’organico in modo permanente nei prossimi mesi destinando alcuni dei nuovi 148 ingegneri assunti con il bando nazionale in uscita in questi giorni”.

“Di fronte alle difficoltà della sede di Bergamo – conclude la delegazione parlamentare – questi interventi sono sicuramente parziali, ma quanto meno segnano un’importante inversione di tendenza sperando che nell’arco di breve tempo si possa arrivare a smaltire l’arretrato e a riportare la sede degli esami a Bergamo. Da parte nostra continueremo a monitorare la situazione pronti a ritornare alla carica, con un gioco di squadra territoriale, nel caso di ritardi o ulteriori disservizi”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.