BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Maturità 2018, quali tracce devono aspettarsi gli 8.642 studenti bergamaschi?

Giugno è tempo d'estate, voglia di mare e vacanze, ma anche periodo d'esami. Mercoledì 20 la prima prova d'italiano e già sul web impazza il totoscommesse: quale tema preferiresti?

Più informazioni su

Giugno è per molti ragazzi tempo d’estate, voglia di mare e vacanze, ma anche periodo d’esami per i maturandi: sono 8.642 studenti bergamaschi che dovranno affrontare mercoledì 20 la prima prova d’italiano e già sul web impazza il totoscommesse su quale possa essere la traccia più probabile.

Secondo il filologo e linguista Luca Serianni a La Repubblica sembra che il Miur punti molto su temi d’attualità politica più stretta, vicina alla quotidianità dei ragazzi. Tra i più gettonati risultano argomenti quali l’immigrazione, lo Ius Soli, l’approvazione della legge sul biotestamento o addirittura le ultime elezioni politiche che sembrano definire il fine dell’esame teso a spingere i ragazzi verso un’indagine critica di ciò che li circonda. Altri considerano, invece, come tracce canditate, tutti gli anniversari in corso quest’anno tra cui i 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione, il centenario dalla Prima Guerra Mondiale, gli 80 anni dalle leggi razziali, i 50 anni dai movimenti sessantottini, o ancora, i 40 anni dal sequestro Moro.

VOTA IL SONDAGGIO (max 2 risposte)

 

Maturità, quali tracce preferiresti?

  • Biotestamento (50%, 2 Votes)
  • Immigrazione (25%, 1 Votes)
  • Il '68 (25%, 1 Votes)
  • Ius Soli (0%, 0 Votes)
  • Elezioni politiche (0%, 0 Votes)
  • Costituzione (0%, 0 Votes)
  • Caso Moro (0%, 0 Votes)

Totale Votanti: 3

Loading ... Loading ...

Per il tema d’attualità diverse fonti convergono in particolar modo sulla scelta da parte del Miur di inserire tra le tracce l’anniversario della Costituzione. Questo a giudicare dai provvedimenti dell’ex ministro Fedeli e, soprattutto, la diffusione fra gli studenti di una copia cartacea del documento. Altre big sembrano essere il tema decisamente attuale dell’immigrazione oppure il caso Moro.

Mentre per quanto riguarda la tipologia A, l’analisi del testo, sembra che il Miur opti più per un saggio in prosa e quindi per autori come Pirandello, Svevo, ma anche poeti del calibro di Ungaretti e Montale. Alcuni citano anche autori dell’800 tra cui il più papabile è Foscolo, seguito da Manzoni.

Non va trascurato, però, il “rischio” che possa uscire un letterato poco studiato tra i banchi di scuola, come è capitato negli anni passati con Caproni ed Eco: secondo skuola.net infatti il 48% degli studenti che hanno partecipato al loro sondaggio teme un’altra “sorpresa” del genere.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.