Quantcast
"Sacrifici in ospedali medi, ma si salvi il punto nascita nell'alta Valseriana" - BergamoNews
L'intervento

“Sacrifici in ospedali medi, ma si salvi il punto nascita nell’alta Valseriana”

Stefano Magnone, segretario regionale lombardo dell'Anaao-Assomed, il maggiore sindacato dei dirigenti medici e sanitari, interviene sull'annunciata chiusura dei punti nascita di Piario e altre tre ospedali regionali.

Stefano Magnone, segretario regionale lombardo dell’Anaao-Assomed, il maggiore sindacato dei dirigenti medici e sanitari, interviene sull’annunciata chiusura dei punti nascita di Piario e altre tre ospedali regionali.

In settimana Regione Lombardia ha comunicato l’intenzione di chiudere quattro punti nascita per cui il Ministero della Salute non ha concesso la deroga necessaria, visti i numeri di parti sotto la soglia dei 500.

Altri punti nascita appena sotto alla soglia sono stati mantenuti, almeno per il momento.

I nodi della riorganizzazione della rete ospedaliera e dei punti nascita sono venuti al pettine e costituiranno nei prossimi mesi il banco di prova per la nuova amministrazione regionale, ma anche per il sindacato dei dirigenti medici e sanitari, di cui ANAAO-ASSOMED rappresenta la forza maggiore. Non possiamo certo tacere, infatti, che non si tratterà solo di razionalizzazione o, meglio, di riorganizzazione ma di molto di più.

Il volume delle prestazioni è legato alla qualità e alla sicurezza delle stesse, non è solo una questione economica: è in gioco la sicurezza dei pazienti, senza dimenticare la serenità e la sicurezza degli stessi operatori. Il sindacato non può sostenere ospedali insicuri e pazienti e operatori esposti a rischi evitabili.

Ovviamente siamo convinti che alcune zone impervie o lontane da ospedali più attrezzati potranno godere di scelte mirate quali, ad esempio per la realtà della Valle Seriana, il sacrificio di un punto nascita di medie dimensioni per salvare quello piccolo in alta valle.

In questo contesto anche il privato accreditato dovrà essere chiamato in causa, essendo parte integrante del Servizio Sanitario Regionale.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
neonati
Dalla regione
Verso la chiusura punti nascita sotto i 500 parti, a rischio anche Piario
Protesta chiusura Piario
La mobilitazione
“Non chiudete il punto nascita”: tanti bambini tra i 500 al presidio all’ospedale di Piario
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI