Kiko debutta in Cina e mira a quota 50 milioni in tre anni - BergamoNews
Cosmetici

Kiko debutta in Cina e mira a quota 50 milioni in tre anni

Il gruppo della famiglia Percassi ha deciso di puntare sull’Asia per continuare a crescere.

Kiko sbarca in Cina. Il gruppo di cosmetici della famiglia Percassi ha deciso di puntare sull’Asia per continuare a crescere, debuttando questa settimana su Tmall di Alibaba grazie alla partnership con Yujiahui, società cinese che distribuisce prodotti cosmetici nel mercato attraverso il canale online.

La decisione è stata presa a gennaio: “Abbiamo cercato un distributore scegliendo Yujiahui, che è una delle tre aziende quotate in Cina con una capitalizzazione di oltre un miliardo di dollari – ha spiegato il Ceo Cristina Scocchia -. Per questa ragione abbiamo siglato con loro un accordo di distribuzione in esclusiva per 3 anni. Adesso debuttiamo sul Tmall, che è la piattaforma maggiore e la più prestigiosa, ma ogni due o tre mesi puntiamo a sbarcare su un nuovo sito per arrivare a diversi target di consumatori”.

L’obiettivo è raggiungere raggiungere 50 milioni di fatturato in 3 anni. “Un obiettivo ambizioso – ha proseguito Scocchia – ma Yujiahui e Tmall sono ancora più aggressivi di noi”. Per i primi 12-18 mesi Kiko si concentrerà sull’e-commerce, ma non esclude lo sbarco nei negozi tradizionali”.

Kiko è sbarcata a Hong Kong 2 anni fa e ora vanta 12 negozi: “Che stanno andando molto bene, con una crescita a doppia cifra negli ultimi 2 mesi grazie al lancio di edizioni limitate e all’introduzione di colori ad hoc per le consumatrici cinesi – sottolinea Scocchia -. Se le vendite online avranno successo, cercheremo il partner giusto per entrare nei negozi fisici”.

Più informazioni
leggi anche
  • La classifica
    Kiko, Brembo, Ubi Banca e Aruba tra le aziende più inclusive d’Europa
    Generico novembre 2020
  • Cosmesi
    Kiko apre 300 negozi e crea mille posti di lavoro
    Kiko Milano
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it