Debutta il nuovo Sole 24 Ore, il vicedirettore: "Restyling grafico e informazione di qualità" - BergamoNews
Jean marie del bo

Debutta il nuovo Sole 24 Ore, il vicedirettore: “Restyling grafico e informazione di qualità”

Jean Marie Del Bo, vicedirettore de Il Sole 24 Ore, ci guida alla novità del quotidiano che ha subito un radicale restyling.

Nuova grafica, nuovo font (il Sole 24 Serif), un dorso solo e un’informazione veloce, diretta che si alterna agli approfondimenti. É in edicola da martedì 5 giugno il nuovo Il Sole 24 Ore, la voce più autorevole nel panorama dell’informazione economica e finanziaria.

Jean Marie Del Bo, vicedirettore del Sole, ci guida alla novità. “Il lavoro per il restyling grafico del giornale continua anche oggi. Ci siamo posti come obiettivo di sintetizzare le notizie per offrire al lettore un’agenda. Diciamo che si tratta di una bella responsabilità. Ormai le notizie arrivano da più fonti, a noi il compito di scegliere quelle più originali e offrirle al lettore con una nuova grafica”.

Una grafica che è pulita, molto chiara, ordinata.

“La nuova grafica ci offre la possibilità di risolvere una serie di problemi, visualizzare meglio le informazioni e offrire due chiare possibilità al lettore: la prima è l’informazione sintetica ma diretta, l’altra è di offrire articoli più lunghi, ovvero degli approfondimenti. Ciò che uccide oggi il lettore è la media lunghezza, mentre così offriamo questa chiara possibilità”.

Che reazioni avete raccolto dai lettori, dai professionisti e dagli industriali?

“La prima reazione è di sorpresa e sono molto contenti del quotidiano. Ora si tratta di affinare la formula e le caratteristiche”.

Dobbiamo aspettarci altre novità?

“Sì, altre due altri grandi novità. Il giornale da martedì al sabato sarà come lo avete trovato oggi in edicola, i numeri della domenica e del lunedì saranno molto differenti. Il numero della domenica, che già oggi ha l’inserto della cultura, punta ad offrire articoli di grande valore e più lunghi anche nel giornale. Il numero del lunedì, invece, essendo il numero del primo giorno lavorativo farà una sintesi dei temi trattati della settimana e si rivolge a tutto l’universo dei professionisti. Inoltre, sul numero del lunedì riproponiamo la rubrica ‘l’esperto risponde’ ma con una grande rivisitazione”.

Una delle novità annunciate è l’eliminazione dei dorsi, che scompariranno. Perché avete maturato questa scelta?

“Abbiamo puntato su un dorso unico, per eliminare quella separazione, secondo noi artificiale, tra impresa e finanza. Questi mondi vivono vicini, in un’unica area e quindi questa scelta ci permette di offrire informazioni più dettagliate utili ad entrambi”.

Dalla carta al web, che cosa dobbiamo aspettarci dal nuovo Sole 24 ore?

“La prossima sfida è l’online con una serie di interventi mirati al sito. In questi giorni partono le nuove news letter che si chiama ‘Daily 24’ e che avrà tre diverse declinazioni frutto della cura di un diverso giornalista del Sole. Poi abbiamo una nuova App che permette di entrare nel mondo Sole da un unico accesso. Ci sono poi ancora molte idee da mettere in campo e da realizzare nei prossimi mesi”.

Un cambiamento ha anche dei costi, da oggi Il Sole costa 2 euro. Un piccolo sacrificio in più per i lettori?
“Il prezzo in edicola cambia, ma abbiamo prolungato la nostra campagna abbonamenti fino al 14 giugno per consentire ai lettori più fedeli di beneficiare di questa opportunità e di fidelizzare i nuovi che apprezzando il nuovo Sole decideranno di abbonarsi”.

Il Sole cambia pagina dopo alcuni fatti che hanno pesato sul giornale?
“Ci sono anni difficili, ma ci sono anche giornate di festa come queste, che servono per comprendere e far conoscere il grande potenziale della nostra redazione. Giornate di festa che sono uno stimolo per tutti, per una redazione e per un’azienda che a tutti i livelli sa fare molto bene”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it