BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Messa in sicurezza della Rivierasca, parte raccolta firme: “Ora interventi strutturali”

L'iniziativa, lanciata in queste ore, riguarda in particolare il tratto compreso tra Tavernola e Riva di Solto

Una raccolta firme per chiedere la messa in sicurezza della strada Rivierasca del Lago d’Iseo, possibilmente in maniera “strutturale” e “definitiva”. L’iniziativa è stata lanciata in queste ore da una cittadina di Tavernola Bergamasca, Anna Sorosina, e riguarda in particolare il tratto compreso tra Tavernola e Riva di Solto “la cui interruzione – si legge nella lettera indirizzata alle autorità del territorio – sta fortemente penalizzando gli abitanti della sponda bergamasca del lago e i turisti” (leggi qui le info).

“La mobilitazione dei cittadini è ormai necessaria rispetto alle continue chiusure e riaperture a singhiozzo di un tratto di strada provinciale di fondamentale importanza – commenta Anna, 51 anni, moglie del vicesindaco di Tavernola Ioris Pezzotti -. Questa è l’unica strada che collega la sponda Bergamasca del lago e la chiusura tra Riva di Solto e Tavernola comporta l’intero giro del lago con i suoi 66 chilometri di lunghezza che per un lavoratore vengono percorsi per due volte nella giornata”. Segue una riflessione: “Si parla tanto di turismo, ma quale senza strade di collegamento sicure e fruibili? Anche durante l’evento Floating Piers del 2016 – ricorda Anna – la strada era chiusa proprio nello stesso tratto Tavernola-Riva di Solto. Speriamo che mettendo in evidenza la gravità della situazione si possano sensibilizzare gli enti affinché trovino in fretta le risorse economiche necessarie, privilegiando questo intervento rispetto ad altri, poiché qui non vi sono strade alternative ragionevolmente percorribili”.

La raccolta firme durerà un paio di settimane. Il materiale raccolto verrà poi spedito agli enti in indirizzo sulla lettera (ovvero Provincia di Bergamo, Regione Lombardia, Comunità Montana Laghi Bergamaschi e 11 amministrazioni del Sebino): “Non sarà facile, ne sono consapevole, ma da cosa nasce cosa – conclude Anna -. Spero che i Comuni citati possano sostenere le nostre richieste perché, alla fine, dovranno essere le istituzioni ad occuparsene”.

I precedenti non mancano. Solo per citare i più recenti, domenica 27 maggio la strada Rivierasca era stata chiusa al traffico in seguito a sei smottamenti del terreno causati dal maltempo in Valle Terlera e Valle San Rocco. Domenica 3 giugno, invece, un altro stop a causa di masso pericolante di 15 metri che, anche se coperto da una rete, è pericoloso per il transito. Ora la strada è stata riaperta, ma si procede a senso unico alternato.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.