Cittadinanza attiva, le associazioni bergamasche fanno rete e guardano ai giovani - BergamoNews
Bergamo lab

Cittadinanza attiva, le associazioni bergamasche fanno rete e guardano ai giovani video

Associazione Cure palliative Onlus ha iniziato la realizzazione del progetto “Bergamo-Lab: Laboratorio di idee ed azioni per una comunità responsabile”, finanziato da Regione Lombardia (Bando volontariato 2018).

Il contesto di oggi, sicuramente complesso e di crisi, rende difficoltoso porsi in un atteggiamento positivo di ricerca e di approfondimento nei confronti della società attuale, nella quale si ha l’impressione di trovarsi in una sorta di realtà frantumata che produce forme di individualismo, isolamento, indifferenza e, dunque, disimpegno.

Tuttavia esistono anche esperienze positive e generatrici, come quelle dell’ impegno delle associazioni di volontariato. Associazione Cure palliative Onlus ha iniziato la realizzazione del progetto “Bergamo-Lab: Laboratorio di idee ed azioni per una comunità responsabile”, finanziato da Regione Lombardia (Bando volontariato 2018).

È un progetto che vuole esprimere un elemento generativo all’interno del welfare, per sviluppare esperienze di Cittadinanza Attiva, per lavorare nella capacità di ascolto ed analisi, per cogliere davvero quello che la Comunità sta diventando. Questo percorso può iniziare solo nella misura con la quale le associazioni di volontariato riescono a confrontarsi a partire da come pensano, agiscono, comunicano tra di esse e dentro il territorio.

L’obiettivo generale del progetto è lavorare insieme in un ottica di rete, superando logiche autoreferenziali, sperimentando un percorso laboratoriale condiviso tra Associazioni di Volontariato in ambito socio-sanitario, Istituzioni e la Comunità,  al fine di rafforzare i legami esistenti, costruire nuove connessioni e generare nuove sinergie.

Bergamo Lab cure palliative

Il percorso si realizzerà su due versanti che si intersecheranno nelle attività di progetto:

VERSANTE ASSOCIAZIONI
Il progetto intende affrontare il problema della condivisione, coordinamento, comunicazione, che sono centrali per la riuscita di qualunque percorso. Si intende porre attenzione sulle connessioni tra le Associazioni di Volontariato Socio-Sanitarie Bergamasche, proponendo un percorso di supervisione e formazione, per la crescita partecipativa e per l’attivazione di interesse e impegno animativo verso la Comunità ed in particolare verso i suoi giovani (in particolare studenti).

VERSANTE COMUNITÀ
Si intende programmare una serie di attività di responsabilizzazione della Comunità e delle sue istituzioni, testimoniando e rafforzando il legame esistente tra le nostre Associazioni, le Istituzioni, la Comunità.

Per maggiori informazioni collegarsi al sito dell’ Associazione:
www.associazionecurepalliative.it

Bergamo Lab cure palliative

Associazione Cure Palliative Onlus

Mission

L’Associazione Cure Palliative è una associazione di volontariato iscritta al relativo Albo Regionale, che opera con finalità di solidarietà sociale, nel campo dell’assistenza sociale e socio-sanitaria, a favore dei pazienti con malattia inguaribile in fase avanzata e terminale e delle loro famiglie. Attraverso la diffusione della cultura delle cure palliative, intende migliorare la qualità di cura e assistenza per la miglior qualità di vita dei malati terminali in fase avanzata, anche attraverso la formazione dei professionisti e volontari e la ricerca scientifica. Promuovendo la nascita dell’ Hospice “Kika Mamoli” dell’ ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo, contribuisce allo sviluppo di un modello di cura ed assistenza innovativo e di eccellenza nel settore, che costituisce un punto di riferimento per la diffusione di una corretta cultura delle cure palliative.

Risorse umane

L’Associazione Cure Palliative Onlus basa la propria attività sull’azione prevalente e diffusa del volontariato, sia nella gestione dei servizi per i quali si avvale anche di personale dipendente nonché di personale libero professionale.

Le attività sono gestite quindi da figure differenti, che si alternano nel servizio secondo le proprie mansioni e disponibilità.

Le risorse umane dell’ Associazione sono così elencabili:

  • n. 3 dipendenti (2 impiegate e 1 Ausiliaria socio sanitaria).

  • n. 3 medici palliativisti con contributo erogato all’ ASST Papa Giovanni XXIII direttamente dall’ Associazione.

  • n. 2 psicologi con contributo erogato all’ ASST Papa Giovanni XXIII direttamente dall’ Associazione.

  • n. 3 consulenti esterni.

  • n. 2 medici consulenti esterni.

  • N.1 Data manager con contributo erogato all’ ASST Papa Giovanni XXIII direttamente dall’ Associazione.

Ricordiamo che attualmente l’ associazione è costituita da 292 soci, dei quali n. 113 sono volontari attivi, e nessun compenso è corrisposto ai membri degli organi di governo.

Bergamo Lab cure palliative

Valori e principi

Associazione Cure Palliative Onlus opera nel settore dell’assistenza socio-sanitaria, della formazione, della beneficenza e della tutela dei diritti civili, per il perseguimento, in via esclusiva, di finalità di solidarietà sociale.

Essa risponde a un bisogno del nostro tempo: costruire una cultura in cui trovino significato le esperienze della malattia e della morte, in una società che le nega e che lascia soli gli individui davanti ad esse, ricostituendone l’appartenenza al ciclo della vita. Senza la consapevolezza della vulnerabilità e della mortalità non c’è spazio né per la felicità (legata alla capacità di apprezzare il momento presente), né per la responsabilità personale, e quindi per la dimensione etica.

Bergamo Lab cure palliative

Attività svolte

L’Associazione fin dal suo inizio (1989), ha scelto di operare fornendo sostegno e collaborazione alle Istituzioni pubbliche (ASST Papa Giovanni XXIII, con cui opera in regime di convenzione, ATS Bergamo, Ufficio Scolastico Regionale sede territoriale di Bergamo) e mantiene un rapporto costante con la F.C.P. (Federazione Cure Palliative) e con la S.I.C.P (Società Italiana Cure Palliative), organizzazioni di settore impegnate a livello nazionale nello specifico settore delle cure palliative.

Bergamo Lab cure palliative

Tutto questo avviene:

  • erogando attività di formazione rivolte ai medici di assistenza primaria, al personale ospedaliero, ai volontari, cittadini, agli studenti, ai professionisti delle cure palliative che operano presso enti accreditati all’assistenza domiciliare;

  • assistendo presso l’ Hospice Kika Mamoli i malati inguaribili e le loro famiglie;

  • promuovendo iniziative di formazione/sensibilizzazione sul tema della qualità di cura e assistenza per la migliore qualità di vita, sempre;

  • organizzando corsi formazione formatori nell’ambito della F.C.P;

  • promuovendo la diffusione della cultura delle cure palliative con specifiche iniziative;

  • informando e sensibilizzando studenti sulle tematiche etiche della malattia non curabili, del fine vita, delle cure palliative, della sofferenza e morte, e del testamento biologico, attraverso la realizzazione di attività teatrali, scenografiche, letterali e musicali, visite guidate c/o Hospice.

  • gestendo attività di fund raising anche con l’organizzazione di eventi.

    Bergamo Lab cure palliative
    <br clear=all>

Nello specifico delle sue attività, l’Associazione collabora dunque a fornire per l’ ASST; i seguenti servizi:

  • Ambulatorio di Terapia del Dolore e di Cure Palliative e DH (volontari e personale)

  • Unità Operativa Complessa Cure palliative-Hospice (volontari e personale)

  • Unità Operativa Cure Palliative Domiciliari UOP-Dom (volontari e personale)

  • Interventi psicologici di supporto alla terminalità ed al lutto per malati e loro famiglie in Hospice, nella struttura sanitaria, a domicilio. (2 psicologi)

  • Presenza quotidiana di almeno 10 volontari in Hospice accanto ai pazienti e alle famiglie in modo coordinato con l’équipe sanitaria e gli psicologi. (2 volontari su 5 turni di 2 ore e mezza ciascuno).

  • Presenza quotidiana da Lun. a Ven. di almeno 3 volontari in Day Hospital accanto ai pazienti e alle famiglie in modo coordinato con l’équipe sanitaria e gli psicologi. (3 volontari su 3 turni di 3 ore ciascuno, ).

  • Presenza bisettimanale di almeno 2 volontari in Terapia del Dolore accanto ai pazienti e alle famiglie in modo coordinato con l’équipe sanitaria e gli psicologi. (2 volontari su turni di 4 ore ciascuno, ).

  • Presenza bisettimanale di almeno 2 volontari presso il domicilio accanto ai pazienti e alle famiglie che lavorano in modo coordinato con l’équipe sanitaria e le psicologhe. (2 volontari su turni di 4 ore ciascuno, ).

  • Progetti di formazione e sensibilizzazione sul tema delle cure palliative

    Bergamo Lab cure palliative
    <br clear=all>

Durante l’anno inoltre, sono stati organizzati e promossi numerosi eventi importantissimi per la vita dell’Associazione:

  • Gran Galà Bergamo, presso il teatro Donizetti di Bergamo, di una serata di spettacolo e solidarietà: XVI edizione.

  • Adesione alla Giornata nazionale contro la sofferenza inutile della persona inguaribile dell’ 11 Novembre (san Martino). Organizzazione di uno spettacolo teatrale per studenti e successivo dibattito.

  • Adesione alla giornata mondiale delle Cure Palliative del 14 Ottobre. Esibizione in Hospice del Coro Estudiantina giovanile.

  • Cena sociale in occasione del Natale.

  • Cena di amicizia con l’ associazione Amici del Cuore di torre Boldone.

  • Partecipazione alla Camminata di solidarietà “Bergamo ha un cuore grande”.

  • Esposizione oggetti realizzati a cura del gruppo hobbystico.

  • Esibizioni varie del Coro Kika Mamoli dell’ Associazione.

  • Rappresentazioni teatrali e dibattiti a cura del gruppo Teatrale dell’ Associazione.

  • Promozione concerti e varie iniziative di spettacolo del gruppo Strumentale fiati per sostenere progetto IORT.

  • Organizzazione di un corso pratico e teorico di cucina naturale. In collaborazione con associazione l’ Essenza.

  • Serata gospel a favore di ACP, presso la chiesa di Valtesse.

  • Santa Messa di san Martino per tutti i defunti dell’ Hospice o seguiti a domicilio.

  • Visite all’ Hospice per scuole aderenti ai progetti formativi condivisi con l’Ufficio scolastico provinciale.

  • Attività promozionali ed erogazione di eventi hanno impegnato i collaboratori e i volontari per un totale di 700 ore.

    Bergamo Lab cure palliative
    <br clear=all>
  • Inoltre ricordiamo tutta una serie di attività realizzate attorno a progetti speciali:

  • Corso con l’Università di Bergamo “Teorie e metodi della collaborazione interprofessionale in cure palliative”. N. 5 giornate formative di 5 ore ciascuna. IV ediz.

  • Interventi di sensibilizzazione ed informazione sulle cure palliative in 6 scuole superiori, coinvolgendo 300 alunni, genitori e insegnanti per incontri introduttivi e 85 alunni per incontri specifici. – Psicologi: 96 ore – Volontari 24 ore.

  • Promozione del Progetto IORT per finanziare un acceleratore lineare presso l’ ASST Papa Giovanni XXIII (in collaborazione con Associazione Oncologica Bergamasca e Cancro Primo Aiuto).

  • Il Conservatorio nel Day Hospital oncologico. Esibizioni musicali per malati e famigliari presenti nel day ospital oncologico. Il collaborazione con ASSTPAPA GIOVANNI XXIII, Associazione Oncologica Bergamasca, conservatorio G. Donizetti.

  • Progetto San Martino: migliorare la qualità della vita di persone affette da patologie inguaribili e diffondere la cultura delle cure palliative”. Progetto finanziato con i fondi dell’ otto per mille dell’ Unione Cristiana evangelica battista d’Italia (UCEBI).

  • Campagna di raccolta firme per migliorare la qualità di cura e la qualità di vita, al fine di sollecitare l’assunzione del personale sanitario di cure palliative necessario per garantire il servizio. Sono state raccolte 25.000 firme

  • Realizzazione in partnership del convegno: “Percorsi integrati di Cure Palliative alla luce della riforma del servizio Reginale, presso ASST Papa Giovanni XXIII.

    Bergamo Lab cure palliative
    <br clear=all>

OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO

leggi anche
  • Bergamo lab
    Anticipare, comunicare e partecipare: per la cittadinanza attiva, la Lilt in campo a fianco dei giovani
    Lucia De Ponti
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it