Quantcast
Fca presenta il piano industriale, Uliano: "Servono investimenti per l'occupazione" - BergamoNews
Segretario nazionale fim cisl

Fca presenta il piano industriale, Uliano: “Servono investimenti per l’occupazione”

Alla vigilia della presentazione del piano industriale 2018-2022 di Fca da parte di Sergio Marchionne, prevista per venerdì 1° giugno a Balocco, abbiamo incontrato Ferdinando Uliano, segretario nazionale Fim.

Alla vigilia della presentazione del piano industriale 2018-2022 di Fca da parte di Sergio Marchionne, prevista per venerdì 1° giugno a Balocco, abbiamo incontrato Ferdinando Uliano, segretario nazionale Fim Cisl che parteciperà all’incontro.

Tra le novità che sono state anticipate alcune settimane è che Fiat Chrysler è pronta a concentrarsi, per quanto riguarda la produzione italiana, sulle auto di fascia alta come i nuovi suv della Maserati, della Jeep, e Alfa Romeo spostando invece all’estero i nuovi modelli di Panda e Punto.

Una scelta che confermerebbe la linea di Marchionne: dove il lavoro costa tanto e dove la manodopera è più qualificata vanno prodotte auto costose, altrove tutte le altre. In quest’orizzonte, i nuovi suv di Maserati, Alfa Romeo e Jeep verrebbero così prodotti nello storico stabilimento di Torino, Pomigliano d’Arco e Melfi e la futura Panda in Polonia. Una scelta che non è certo indolore sul fronte dell’occupazione, in quanto le auto di massa hanno numeri superiori rispetto alle vetture di alto di gamma. Se è vero infatti che per produrre una vettura di lusso serve più manodopera, è anche vero che i volumi delle vetture di lusso sono inferiori a quelle di massa. E i minori volumi incidono sull’occupazione a meno che vengono lanciati un numero maggiore di modelli premium e di lusso.

“È una scelta quella di Marchionne che risale al 2012, la ricordo benissimo – afferma Uliano -. La produzione nel 2012 era di 402 mila vetture, in Italia si produceva il 20% del settore medio alto, circa 80.800 vetture, il resto era una produzione di auto di livello medio basso. Nel 2017, dopo gli accordi sindacali e gli investimenti a Melfi, Cassino, Mirafiori la situazione si è capovolta: delle 751.884 vetture prodotte, le auto di fascia alta sono pari al 64% (479 mila) mentre il 36% risponde alla fascia bassa (pari a 272mila). Sono cambiate le tipologie di auto prodotte e sono cambiati i mercati, si è investito sulla fascia alta delle auto che ha riempito di lavoro gli stabilimenti italiani di auto vendute all’estero, ciò che non succedeva con i vecchi modelli. I bilanci della società sono passati da una situazione quasi fallimentare a forti guadagni. Tutto questo ci ha aiutato a ridurre l’impatto della cassa Integrazione, nel 2013 dei 56mila lavoratori il 27% usufruivano degli ammortizzatori sociali, oggi solamente la percentuale si è ridotta al 5% e si sino evitati licenziamenti e chiusura di stabilimenti . Anzi, sono stati assunti 1.000 lavoratori. Siamo riusciti dopo 19 anni a fare un premio di risultato legati andamento dell’azienda distribuendo più salario ai lavoratori. Oggi con la stessa determinazione con cui abbiamo difeso gli accordi sindacali che abbiamo firmato con Fim -Cisl che hanno portato gli investimenti, salvato l’occupazione e uno dei settori trainante della nostra economia, critichiamo l’eccessiva attenzione di Fca nell’ultimo anno agli aspetti finanziari, siamo nel 2018 e non sono ancora stati completati gli investimenti previsti nell’ultimo piano che avrebbero consentito la piena occupazione. La fine della produzione di Mito e Punto deve aprire alla produzione di altri modelli premium per creare occupazione. E poi serve uno sguardo che vada oltre, soprattutto occorre guardare al futuro delle auto autonome, ai motori ibridi ed elettrici. Tutti segmenti da sviluppare”.

leggi anche
Generico gennaio 2021
Vice ministro e sindacalista
Stellantis, il nuovo colosso automobilistico incassa il “sì” di Misiani e Uliano
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it