Alzano piange Stefano, 38enne morto in sella alla sua Ducati - BergamoNews
Il dramma

Alzano piange Stefano, 38enne morto in sella alla sua Ducati

La corsa disperata verso l'ospedale Papa Giovanni si è rivelata inutile, l'uomo è morto durante il trasporto

Se ne è andato a 38 anni, dopo una disperata corsa in ospedale. Tragico incidente nel primo pomeriggio di martedì 22 maggio sulla statale 671, tra Scanzorosciate e Torre de Roveri, poco prima dell’ingresso in galleria Montenegrone. A perdere la vita è Stefano Tumolo, 38 anni, idraulico di Alzano Lombardo alla guida della sua Ducati.

Ancora da chiarire l’esatta dinamica dell’episodio. Secondo una prima ricostruzione da parte degli agenti della Polizia locale di Pedrengo, sul posto per i rilievi, erano circa le 14 quando la vittima stava provenendo dalla galleria e viaggiava in direzione Seriate. Per cause in fase di accertamento, si è scontrato con un furgone Ford Transit condotto da M.R. 47enne di Lallio che proveniva in senso contrario di marcia.

Un impatto violento, tant’è che il motociclista è finito a terra riportando gravi ferite e un trauma cranico. Le sue condizioni sono apparse sin da subito critiche: sul posto la centrale operativa del 118 ha inviato un’ambulanza della Croce Bianca di Bergamo e un’automedica per prestare i primi soccorsi al ferito.

Il motociclista è stato rianimato, a quel punto si è deciso per il suo trasferimento all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. La corsa, disperata, si è rivelata inutile visto che il 38 enne è deceduto durante il trasporto. La salma è stata composta nella camera mortuaria a disposizione del magistrato di turno.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it