Libera e le mafie in Bergamasca, Rosy Bindi alla presentazione del dossier - BergamoNews
Ospite d'eccezione

Libera e le mafie in Bergamasca, Rosy Bindi alla presentazione del dossier

All'appuntamento, oramai annuale, ci sarà anche il Presidente della Commissione d'inchiesta sul fenomeno delle mafie

Il 23 maggio ricorre l’anniversario della strage di Capaci, nella quale persero la vita il magistrato Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro.

Il Coordinamento provinciale di Bergamo di Libera, per ricordare degnamente le vittime innocenti di tutte la mafie, il 23 maggio 2018 alle 20.30 nella sede della Provincia di Bergamo (che ha dato il patrocinio all’iniziativa), presenterà l’aggiornamento per l’anno 2017 dell’attività di documentazione sui beni confiscati e di ricerca sulla presenza delle mafie e della criminalità organizzata nella bergamasca.

Il programma della serata prevede un intervento di Matteo Rossi, Presidente della Provincia d i Bergamo, l’introduzione di Francesco Breviario, referente del Coordinamento provinciale di Libera, la proiezione di un video a cura di Max Pavan, giornalista di Bergamo TV; la presentazione del dossier 2017, con al relazione di Luca Bonzanni, dell’Osservatorio sulle mafie in Bergamasca, e una panoramica degli ultimi 50 anni a cura di Rocco Artifoni,
del Coordinamento provinciale di Libera.

A seguire l’intervento di Paolo Savio, magistrato della Direzione Distrettuale Antimafia di Brescia, e le conclusioni di Rosy Bindi, Presidente della Commissione d’inchiesta sul fenomeno delle mafie.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it