Smentita la notizia dei tre milioni di euro in eredità a Berlusconi - BergamoNews
La spiegazione

Smentita la notizia dei tre milioni di euro in eredità a Berlusconi

In realtà era una bufala la storia dei tre milioni di euro in eredità a Berlusconi. La notizia diffusa da molti siti nazionali dei tre milioni di euro lasciati in eredità a Silvio Berlusconi da una 88enne single che avrebbe lavorato per anni con il leader di Forza Italia a Palazzo Chigi è stata poi smentita. Ed ecco perché si tratta di una fake news.

A diffondere la storia è sempre lo stesso avvocato, spesso citato come rappresentante legale della fantomatica “Fondazione italiana risparmiatori”, curatore di molte eredità particolari, rivelatesi in passato false. Inoltre, il nome della donna -una fantomatica Anna C., nubile e senza figli, nata a Palermo e residente a L’Aquila-, il suo lavoro (“una ex funzionaria della Presidenza del Consiglio”) e la sua età corrisponderebbero a quelli di altre generose donatrici che negli anni e persino nei giorni scorsi avrebbero destinato lasciti milionari a favore di cani e gatti, risultati poi inesistenti.

La defunta benefattrice è sempre la stessa?Stavolta la protagonista della vicenda sarebbe un’aquilana; la notizia ripresa da molti media, stando ai commenti che girano in Rete, ha fatto “imbufalire” quanti non si sono accorti di essere caduti proprio nella trappola della “bufala”. Verificando, infatti, nel motore di ricerca il nome dell’avvocato che ha dato la notizia, appaiono altre news a lui legate e sempre con al centro eredità importanti. Di recente, per esempio, era stata diffusa la notizia del gatto Pilu milionario, sempre perché beneficiario dell’eredità dell’88enne Cecilia Anna D., anche lei ex funzionaria della Presidenza del Consiglio. Particolari un po’ diversi rendono differente la storia del 90enne che ad Avellino il 17 maggio lasciò due milioni di euro al suo cane.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it