• Abbonati
Informazione Pubblicitaria

Ortofrutta

Ortofrutta

Al mercato tempo di piselli freschi, ottima base per un gustoso risotto

Sono i piselli freschi il prodotto della settimana al mercato ortofrutticolo bergamasco. La loro disponibilità è buona ed è possibile trovarne anche con provenienza locale, appena raccolti direttamente dal territorio orobico.

Ortaggio del momento, annoverano diverse proprietà per la salute e il benessere dell’organismo. Innanzitutto, contengono una buona presenza di vitamine (B1, B9 e C) e minerali come potassio, ferro, calcio e magnesio. Non mancano, poi, di acido folico, che risulta particolarmente utile anche per le donne in gravidanza, aiutando a prevenire le malformazioni del tubo neurale del feto. Inoltre, generalmente il consumo di questa verdura viene consigliato anche in allattamento in quanto considerati favorevoli al corretto sviluppo dei bambini.

La presenza di fibre solubili, invece, è indicata per chi ha problemi di transito intestinale e stitichezza. Grazie alla loro composizione, i piselli svolgono un’azione benefica per l’apparato cardiovascolare, contribuendo a mantenere in salute cuore e vasi sanguigni. Non è tutto: secondo alcune ricerche, contribuirebbero a tenere bassi i livelli di colesterolo nel sangue, a mantenere sotto controllo la glicemia e a prevenire il tumore allo stomaco e le malattie degenerative.

In cucina è possibile utilizzarli per preparare ottimi primi piatti, come pastasciutta, vellutate o risotto, salse, torte rustiche e sformati, oppure per accompagnare pesce e carne.

Un consiglio: al momento dell’acquisto, è preferibile scegliere quelli con i baccelli sodi e integri, ma non troppo grandi, poiché i semi eccessivamente maturi possono risultare duri e avere un sapore meno dolce.

Dando uno sguardo più in generale al mercato ortofrutticolo, si nota che l’andamento climatico anomalo perdura anche questa settimana: temperature autunnali, forti e violenti temporali che in prossimità dei 1.500 metri di quota si tramutano addirittura in precipitazioni nevose sono condizioni che a metà maggio quantomeno stupiscono e prendono in contropiede i precari equilibri produttivi e commerciali del settore.

L’offerta di specie e varietà ortofrutticole prettamente primaverili è iniziata, ma sono proprio le condizioni climatiche tanto avverse che ne contingentano la richiesta.

I meloni siciliani attualmente disponibili evidenziano un livello qualitativo di prim’ordine: hanno un ottimo grado zuccherino con una polpa dalla giusta consistenza e di colore arancione brillante, ma tutto ciò non basta, i consumi non entusiasmo e in questo caso le motivazioni sono direttamente riconducibili all’attuale andamento delle temperature medie giornaliere.

Non parliamo di angurie per le quali, per fortuna, al momento la disponibilità non è moltissima, ma la richiesta è praticamente nulla.

Vanno leggermente meglio le compravendite di pesche e nettarine: il prodotto offerto nella massa ha ancora una provenienza principalmente iberica. Il livello qualitativo migliora, ma non come ci aspettava, probabilmente anche in questo caso sui luoghi di produzione l’instabilità climatica ha negativamente influito sulla qualità del raccolto.

È in evidente spolvero l’offerta di albicocche con provenienza spagnola ma anche nazionale: buona la pezzatura e il colore dei frutti e migliorano sia il grado zuccherino sia il sapore, ma anche in questo caso la stagione risulta in ritardo di qualche settimana e per le per le varietà più gradevoli al palato si dovrà attendere.

Altri frutti tipicamente di stagione sono le ciliegie: da questa settimana oltre all’offerta del prodotto pugliese e spagnolo si affianca quello con provenienza veneta. Nella massa il raccolto è ancora frutto di varietà cosiddette a polpa tenera con una consistenza dei frutti poco croccante e la percentuale di parte acquosa prevale ancora nettamente su quella zuccherina.

Anche nel comparto orticolo l’avvicendamento tra i differenti areali produttivi per le singole specie risulta in ritardo di qualche settimana sempre a causa dell’anomalo andamento climatico: è poca la disponibilità di cavolfiori e broccoletti verdi, risulta limitata all’offerta della produzione locale la disponibilità di cavolo verza ed è inferiore alle attese anche la disponibilità di zucchine provenienti dalle regioni del nord Italia.

Inizia una frammentata e quantitativamente limitata offerta della cipolla rossa in trecce di Tropea, per la quale si rileva per ora, sulle differenti partite una disomogeneità della pezzatura dei bulbi con quotazioni piuttosto sostenute che dovranno diminuire con l’inoltrarsi della stagione grazie all’aumento dei volumi.

Per concludere, è buona la disponibilità di fave fresche da sgranare, disponibili anche con provenienza locale.

La ricetta della settimana a cura delle nostre Amichesciroppate

Risotto piselli e ricotta mantecato nel piatto

piselli

Ingredienti

150 g. Di piselli freschi
360 g. Di riso carnaroli
1l di brodo vegetale
Olio evo q.b.
100 g. Ricotta vaccina

Procedimento

Per prima cosa cuocete i piselli in abbondante acqua.
Prendetene 2/3 e teneteli da parte.
In una casseruola scaldate un filo di olio evo, aggiungete i piselli e il riso, tostate e sfumate con un bicchiere di vino bianco.
Continuate la cottura con il brodo.
I piselli messi da parte andranno frullati con un mestolo di brodo per creare una purea che aggiungerete a 2/4 di cottura.
Quando il riso sarà pronto impiattatelo e fate la mantecatura bel piatto.
Mettere al centro del risotto due quanelle di ricotta, una spolverata di pepe nero e la cena è servita.
Deliziosa l’idea che ogni commensale effettui la propria mantecatura.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI