BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Riesame accoglie l’appello del pm: sì al carcere per Berera e Cattaneo

Domiciliari per l'imprenditore Sergio Lima, che con la Graffer si aggiudicò il bando sospetto per la telecabina

Custodia cautelare in carcere per i sindaci di Foppolo e Valleve, Giuseppe Berera e Santo Cattaneo. Mercoledì 16 maggio il Tribunale del Riesame ha accolto l’appello del Pubblico Ministero Gianluigi Dettori, disponendo che l’esecuzione dell’ordinanza resti sospesa fino a quando non sarà definitiva. In pratica, dopo l’eventuale ricorso in Cassazione dell’avvocato difensore che avra 10 giorni di tempo.

Dettori, titolare delle indagini, aveva chiesto al tribunale del Riesame quello che il gip aveva negato: il carcere per il sindaco di Foppolo, finito ai domiciliari nel suo chalet di montagna a pochi passi dal municipio che ha gestito per tre lunghi mandati. Stessa misura richiesta per l’ex collega di Valleve (a sua volta ai domiciliari) e pure per Sergio Lima (nessuna misura) l’imprenditore della Val Trompia che con la Graffer si aggiudicò il bando sospetto per la telecabina. Per quest’ultimo, il Tribunale del Riesame ha optato per i domiciliari.

Secondo l’obiezione del pm, la misura inizialmente prevista dal giudice per le indagini preliminari, Bianca Maria Bianchi, era sproporzionata rispetto all’associazione per delinquere riconosciuta dal gip stesso. Una linea condivisa dal capo della Procura Walter Mapelli, che aveva definito “incoerenti” le misure stabilite dal giudice.

Per quanto riguarda la posizione degli ex sindaci – già accusati di falsificazione di atti pubblici, abuso d’ufficio e bancarotta fraudolenta per il fallimento della partecipata Brembo Super Ski – il Riesame ha ammesso la concussione e, per il solo Berera, la turbativa. Reati che, insieme ai plurimi delitti per cui il gip di Bergamo aveva già stimato gravità indiziarie, hanno convinto nel ritenere insufficiente la misura domiciliare.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.