BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pizzaballa ha pochi dubbi: “L’Atalanta ha testa e gambe, col Milan può farcela”

Parla Gigi Pizzaballa, doppio ex di Atalanta-Milan (166 partite in nerazzurro e la vittoria della Coppa Italia nel 1963, 10 partite nel Milan con due stagioni da secondo e finalista di Coppa delle Coppe nel 1974).

“Donnarumma? Un buon portiere, però sopravvalutato. Non ha ancora la personalità e la maturità per prendere il posto di Buffon come numero uno dell’Italia. Ma penso che contro l’Atalanta sarà in campo – non credo che Gattuso lo lasci fuori – vorrebbe dire dargli una mazzata dopo gli errori nella finale di Coppa Italia”.

Parla Gigi Pizzaballa, doppio ex di Atalanta-Milan (166 partite in nerazzurro e la vittoria della Coppa Italia nel 1963, 10 partite nel Milan con due stagioni da secondo e finalista di Coppa delle Coppe nel 1974), uno che non è mai stato tenero nemmeno con Berisha… E alla domanda su chi vedrebbe dopo Buffon in Nazionale, Pizzaballa risponde ricordando la sua preferenza per un altro ex atalantino, ora alla Fiorentina: “Mah, Donnarumma è un buon portiere ma come lui ce ne sono altri come quello della Spal, Meret, ma potrebbe essere preso in considerazione anche Sportiello. Purtroppo in Italia abbiamo troppi portieri stranieri…”.

Ma torniamo ad Atalanta-Milan. Pizzaballa chiarisce subito: “L’Atalanta sta meglio, come testa e come gambe. Delle tre, rispetto a Milan e Fiorentina, secondo me è la squadra messa meglio per andare in Europa”.

Bene, ma abbiamo ancora in mente il Milan travolto dalla Juve. Che squadra vedremo a Bergamo? “Certo hanno preso quattro gol con errori di piazzamento, evitabili. Dopo un buon primo tempo, un punteggio così punisce molto i rossoneri. Donnarumma è andato in confusione dopo il secondo gol, la palla gli è scivolata anche perché lui è arrivato male. C’è proprio un errore tecnico. Se giocherà a Bergamo? Non lo conosco, chiaro che se avesse qualche problema subito andrebbe nel pallone anche qui. Però penso che sia difficile lasciarlo fuori, l’allenatore avrà parlato con lui”.

Pensiamo invece alle scelte di Gasperini. Vedremo ancora Barrow subito in campo per… spaccare la partita? “Io credo di sì. Lui ha questa capacità di entrare subito in partita e mettere in difficoltà gli aversari, con la sua rapidità, la sua velocità e nei primi 20-30 minuti può mandare in crisi la difesa del Milan”.

È stato paragonato a diversi altri attaccanti del passato e di oggi (da Immobile a Eto’o, a Caniggia), ma Pizzaballa va oltre: “Ognuno ha le sue caratteristiche, non puoi dire questo è come quello. Barrow è una classica punta che gioca per fare gol e andare in porta, quello che in pratica non aveva Petagna: mancava quella punta che desse profondità al gioco o che sapesse sfruttare quelle palle velenose che Gomez mette in area”.

E poi c’è un certo Ilicic…”Non so se lo manderà ancora in campo nel secondo tempo, certo uno come lui non si può lasciarlo fuori e comunque anche averlo in panchina vuol dire potersi giocare una carta straordinaria nel corso della partita, è uno che ha doti incredibili e fa la differenza”.

Del Milan invece chi si deve temere? “Loro aspettano di ripartire in contropiede, l’Atalanta li aggredirà. Hanno giocatori che possono creare problemi come Suso, Bonaventura lo conosciamo ed è sempre da temere. Però…”

Però? “Io credo” conclude Pizzaballa “che l’Atalanta sia messa meglio. Deve vincere, può farcela”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.