BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Lega bergamasca contro Carlotto, lettera al direttore generale della Rai

Carta e penna e quattro deputati (Daniele Belotti, Cristian Invernizzi, Alberto Ribolla e Rebecca Frassini) e due senatori (Simona Pergreffi e Tony Iwobi) hanno scritto al direttore generale della Rai per la conduzione a Massimo Carlotto del programma Real Criminal Minds su Rai4.

Carta e penna e quattro deputati (Daniele Belotti, Cristian Invernizzi, Alberto Ribolla e Rebecca Frassini) e due senatori (Simona Pergreffi e Tony Iwobi) hanno scritto al direttore generale della Rai per la conduzione a Massimo Carlotto del programma Real Criminal Minds su Rai4.

“Premesso che dal 18 maggio nel palinsesto di Rai 4 è inserito il programma Real Criminal Minds condotto dallo scrittore Massimo Carlotto; che Massimo Carlotto risulta essere stato condannato a 18 anni per l’omicidio della 24enne Margherita Magello; che il delitto venne commesso il 20 gennaio 1976 a Padova e la povera ragazza venne trovata seminuda uccisa con 59 coltellate; che dopo un lungo iter processuale Carlotto fu condannato in via definitiva a 18 anni di carcere e nel 1993 beneficiò di un provvedimento di grazia dell’allora presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro; che durante il processo, l’imputato Carlotto scappò prima in Francia, poi in Spagna e infine in Messico da dove venne estradato. Constatato che la direzione della Rai ha assegnato, pagandolo con fondi pubblici, il ruolo di conduttore di un programma sui serial killer a un condannato per omicidio; che mentre sono in corso campagne contro i femminicidi, il servizio pubblico televisivo non trova meglio che ingaggiare per un programma di cronaca nera un uomo che ha assassinato una giovane donna con 59 coltellate, i sottoscritti parlamentari chiedono: se nel scegliere per la conduzione Massimo Carlotto sono stati considerati i suoi gravi precedenti penali e le conseguenze sul ricordo della sua vittima; a quanto ammonta il compenso stabilito per il sig. Massimo Carlotto; pur avendo ottenuto la riabilitazione politica e civile dal Tribunale di Cagliari nel 2004, se hanno valutato l’inopportunità di avere un condannato per omicidio alla conduzione di un programma del servizio pubblico sui serial killer; se sono a conoscenza anche del sostegno morale che il sig. Carlotto ha dato al terrorista latitante condannato all’ergastolo Cesare Battisti; di sostituire la conduzione del programma Real Criminal Minds in segno di rispetto verso la povera Margherita Magello e dei suoi familiari che sono rimasti indignati dalla scelta di affidare una trasmissione pagata dai contribuenti a un condannato per omicidio”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.