BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Treviglio, l’ospedale inaugura il laboratorio analisi: presto un nuovo pronto soccorso fotogallery

Durante la giornata spazio anche all'inaugurazione del nuovo Laboratorio Analisi, vero fiore all'occhiello dell'ospedale trevigliese

Al via i lavori per il potenziamento del pronto soccorso dell’ospedale di Treviglio.

Nella giornata di martedì 8 maggio, alla presenza dell’Assessore Regionale al Welfare Giulio Gallera, è stato presentato l’inizio dei lavori di ampliamento del pronto soccorso trevigliese. Tra un anno il nosocomio di Treviglio vanterà un’area tutta nuova, più grande e funzionale, che permetterà una riduzione dei tempi di attesa, aumentando il comfort dei pazienti dando la possibilità ai medici di svolgere la maggior parte delle procedure “in loco” senza dover spostare il paziente. L’area, che comprenderà all’interno una serie di nuovi servizi, sarà dotata di un nuovo centro prelievi provvisto di aree di accettazione e di attesa separate e di due ambulatori e sei box prelievi.

Nel progetto sarà presente anche un nuovo data center disaster recovery – dotato di sistema di monitoraggio degli accessi – in grado di tutelare i dati dei pazienti e di ridurre il rischio di perdita o danneggiamento dei dati anche in presenza di problematiche critiche come blackout o guasti. Il sistema sarà costantemente collegato alla rete informatica regionale per uno scambio di dati veloce e puntuale.

Infine, è previsto anche la realizzazione di un’area in cui verrà installata un’apparecchiatura di ultima generazione per effettuare Tac e un sistema di raffreddamento per aumentare il confort dei pazienti.

“Oltre due milioni e mezzo di euro da parte di Regione Lombardia ci consentiranno di attuare i lavori previsti – spiega il direttore generale dell’ASST Bergamo Ovest Elisabetta Fabbrini -. L’adeguamento e l’ampliamento del Pronto soccorso, la realizzazione del nuovo Punto prelievi, vicino all’attuale laboratorio, il nuovo data center è disaster recovery e la realizzazione del circuito secondario con liquido refrigerato”.

Durante la giornata spazio anche all’inaugurazione del nuovo Laboratorio Analisi, vero fiore all’occhiello dell’ospedale trevigliese. Il laboratorio, che risulta essere il quinto di questo tipo in tutta la Lombardia e uno dei pochi di tutta la penisola, è dotato di apparecchiature a “catena” e offrono una qualità del dato analizzato migliore e una sicurezza aumentata per tutti gli operatori del laboratorio tramite un processo automatizzato di check-in e check-out dei campioni analizzati.

La grande forza della sanità lombarda è quella di garantire un’alta qualità diffusa e omogenea sul territorio – commenta l’assessore Regionale Gallera dopo il taglio del nastro -. La nostra straordinarietà è proprio questa. Il laboratorio delle analisi è una struttura di nuovissima generazione, dotata di macchinari innovativi. Si tratta di uno dei primi cinque in tutta la Lombardia e uno dei pochi in tutta Italia, il che non è poca cosa. Con queste eccellenze stiamo dando la possibilità ai professionisti di investire nella nostra regione piuttosto che andare all’estero o concentrarsi su grandi poli”.

Piccola nota di colore a margine dell’incontro quella legata a un turista australiano, che l’anno scorso mentre viaggiava in treno da Venezia in direzione Liguria aveva accusato un malore proprio all’altezza di Treviglio. Immediatamente portato in ospedale gli era stata diagnosticata una rarissima malattia, la sindrome di Guillain-Barré – la stessa di cui era affetto il recentemente scomparso Ermanno Olmi -. Una volta rimessosi l’australiano aveva promesso che sarebbe tornato in vacanza proprio nella cittadina della Bassa, per sdebitarsi delle cure ricevute. Promessa mantenuta a quanto pare, con l’uomo che è tornato a fare visita ai medici che lo hanno curato, il tutto proprio nella giornata in cui era previsto l’arrivo dell’Assessore al Welfare Gallera. Sorrisi, abbracci e anche un piccolo pensiero scambiato tra i due, che si sono prestati ai flash dei fotografi che hanno immortalato il curioso momento.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.