BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gasp, niente nostalgia: Genoa da battere, l’Europa ci aspetta di nuovo

Il tecnico piemontese contro la sua ex squadra può staccare le dirette concorrenti per sesto e settimo posto, a tre giornate dalla fine

Più informazioni su

I risultati delle partite della 34ma giornata (la scorsa disputata) sono stati clamorosamente favorevoli alla Dea che, in parte anche inaspettatamente, ha superato in classifica il Milan, ha staccato Fiorentina e Samp ed ha definitivamente eliminato dalla corsa europea il Torino, battuto all’Atleti Azzurri con una prova di orgoglio e sostanza.

L’altra notizia positiva è che questa domenica, l’Atalanta avrà un nuovo turno casalingo visto che alle ore 15.00 dovrà affrontare il Genoa. La squadra ligure con la vittoria nel posticipo di lunedi sul Verona, occupa una posizione di classifica (11° posto) che, a questo punto del campionato, è di assoluta tranquillità, visto che se da un lato è ampiamente salva, dall’altro non può vantare alcuna ambizione per puntare ad un posto europeo.

E qui nasce il solito dilemma di queste situazioni: il grifone verrà a Bergamo senza stimoli oppure, proprio perché la testa sarà libera da pressioni, potrà giocare con più tranquillità e quindi con maggiori insidie per i nerazzurri?

Solo il campo potrà svelare l’arcano. I rossoblu sono comunque e sempre un avversario ostico che andrà affrontato “con le molle” perché l’Atalanta ha a disposizione quello che, in gergo tennistico, si definisce un match point. Vincere questa partita consentirebbe anzitutto alla formazione di Gasperini di affrontare la successiva trasferta di Roma, sponda Lazio, ancora in vantaggio rispetto alle antagoniste e, se addirittura la dea bendata guardasse nuovamente favorevolmente, addirittura potrebbe rappresentare un passo decisivo verso la qualificazione europea.

Dopo l’ottima prova di settimana scorsa, è probabile che il Gasp voglia nuovamente schierare sin dall’inizio Musa Barrow a far coppia con il Papu. Il giovane gambiano ha talento, vede la porta e può risultare molto importante in questa fase finale del torneo.

Le ulteriori notizie positive vengono dall’infermeria nerazzurra, visto che sia Ilicic che Palomino sono riaggregati al gruppo ed il primo potrebbe addirittura partire nell’undici titolare. Purtroppo è ancora fermo ai box Spinazzola, anche se nell’ultima prova Gosens si è ben comportato segnando anche una rete.

In casa rossoblu, in avanti potrebbe essere riproposta la coppia Medeiros-Lapadula a svantaggio di Pandev e Galabinov che siederebbero inizialmente in panchina.

All’andata fu una gara di sofferenza per l’Atalanta. Subito sotto dopo 4 minuti per un gol di Bertolacci rischiò di subire il raddoppio rossoblu, ma poi un’invenzione di Ilicic consentì alla Dea il pareggio.

Nella ripresa ancora qualche paura prima del vantaggio siglato da Masiello di testa, per l’1 a 2 finale.
Come sempre quando affronta il Genoa, non sarà una gara qualsiasi per Gasperini: 274 panchine con il Grifone non si dimenticano in un batter di ciglio.

Ma oggi, caro mister, dovrai mettere da parte ricordi e nostalgie: l’Europa ci aspetta di nuovo.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.