BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La storia di Stella, cane che aiuta Valeria a guarire: “Una battaglia di civiltà”

L'assessore regionale: "Il suo sorriso ripaga l'impegno e i sacrifici per l'approvazione di un regolamento che ancora oggi trova resistenze incomprensibili"

Più informazioni su

“È questa la più grande dimostrazione che l’affetto incondizionato degli animali può davvero fare molto per chi sta vivendo un periodo di difficoltà. Il regolamento sulla tutela degli animali d’affezione, approvato da Regione Lombardia e di cui sono stata prima proponente in Consiglio regionale, convinta sostenitrice e relatrice, va proprio in questa direzione: una battaglia di civiltà e di umanità che ho deciso di combattere per quelle persone che soffrono e che grazie all’amore del loro amico a quattro zampe possono passare qualche ora in serenità”.

Così Lara Magoni, assessore regionale al Turismo, marketing territoriale e moda, interviene in merito alla storia della piccola Valeria – riportata proprio da Bergamonews – che ha potuto riabbracciare la sua cagnetta Stella nel centro di riabilitazione di Mozzo.

Cani

(nella foto: Valeria e il suo cane, Stella)

 

“L’amore tra Valeria e Stella – continua Lara Magoni – è il segno evidente che quando la politica si mette davvero al servizio della comunità, è in grado di realizzare progetti importanti e dal grande risvolto umano. Spero davvero che la storia di Valeria e Stella convinca tante altre persone della validità del regolamento approvato in Regione Lombardia: con le dovute misure e precauzioni da adottare e previste dalla normativa, gli animali possono regalare qualche momento di felicità ai loro padroni. Un amore pulito, disincantato, che spesso è l’unico appiglio per donne, uomini e bambini ammalati. Sapere che la piccola Valeria ha ritrovato il sorriso e la felicità grazie alla sua Stella è per me la più grande soddisfazione – conclude Magoni -. Il sorriso di una bimba ripaga di tanto impegno e sacrifici per l’approvazione di un regolamento che ancora oggi trova delle resistenze davvero incomprensibili”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.