• Abbonati
Gandino

Morta a 18 anni in moto, la mamma: “Marika era la mia vita” fotogallery

“Marika dà a tutti noi la forza per andare avanti sempre, come lei voleva” racconta mamma Nives. Lo scorso 9 aprile l'incidente mortale

La sua generosità non aveva confini, così come infinite erano le persone che le volevano bene. Marika Bertocchi, la 18enne di Gandino morta in seguito ad un incidente stradale mentre era in sella alla sua moto, ha lasciato nel cuore di tutti un vuoto incolmabile.

“Marika era la mia vita – racconta la mamma Nives -, non si arrendeva mai, era coraggiosa e la sua virtù più preziosa era la sua forza di volontà nell’aiutare il prossimo. Quando è morta, Marika ha donato i suoi organi: questo è stato il suo ultimo dono d’amore frutto della sua bontà. In famiglia siamo molto stupiti perché in questo momento davvero difficile siamo stati circondati dall’affetto di numerose persone che volevano bene alla nostra Marika: sono state, e sono, davvero tantissime”.

A partire dalle compagne di scuola della 18enne, le ragazze che frequentano la classe quinta del Socio Sanitario all’Isiss di Gazzaniga. Sin dalla mattinata di quel triste lunedì 9 aprile, le 28 compagne accompagnate da tre docenti si sono recate al Papa Giovanni di Bergamo con la speranza di riabbracciare la loro grande amica.

Curioso è un aneddoto sulla semplicità e sul grande cuore di Marika: nel corso di uno dei suoi ultimi giorni di scuola, la ragazza – spinta dalla sua solita voglia di aiutare le sue amiche – ha suggerito a tutte quante le risposte di una verifica.

“L’Istituto Superiore di Gazzaniga – continua la mamma Nives – darà il via a un progetto di studio per ricordare Marika: la ragazza sarà un esempio per tutti gli studenti che saranno invitati a prendere spunto dalla sua determinazione e dal suo non arrendersi mai di fronte alla conquista di nuovi obiettivi”.

Il fratello Christian, insieme alla mamma, ringrazia calorosamente tutte le persone che hanno mostrato affetto e vicinanza, a partire dai Vigili del Fuoco, l’Associazione Paracadutisti Valle Seriana, tutti i motociclisti, i compagni di Judo, di crossfit, le compagne di scuola e la gente che si è abbracciata al loro dolore.

“Marika dà a tutti noi la forza per andare avanti sempre, come lei voleva”, conclude la mamma -.“La mamma Nives, Anto, Christian con Giulia, Danilo con i genitori Agnese e Pier Luigi ringraziano tutti coloro che hanno condiviso il dolore con la consapevolezza che Marika con il suo amore vegli su di noi e con la certezza che troveremo sempre un solido e amorevole appoggio nella sua luminosa anima. Grazie di cuore”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
Funerali di Marika Bertocchi
Cirano di gandino
“Conservate sul vostro volto il sorriso che Marika vi ha lasciato in eredità”
marika bertocchi
Bergamo
L’ultimo gesto d’amore: donati gli organi e le cornee di Marika
marika bertocchi
La tragedia
Marika, morta come il papà pompiere: abbracciata alla sua passione
Marika Bertocchi
Gandino
Un anno fa la tragedia che portò via la giovane Marika: una veglia per ricordarla
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI