• Abbonati
Salone del mobile

Fabio Novembre e il suo “Grand Tour” fa tappa da Tino Sana

Nel padiglione dedicato al Design di Interni, Tinosana, la storica falegnameria di Almenno San Bartolomeo, accoglie Fabio Novembre, ideatore dell’allestimento dello stand per raccontare la sua personale visione del nuovo laboratorio di idee Grand Tour, nato sotto la direzione artistica dello studio Basaglia Rota Nodari.

Fabio Novembre, tra i più vivaci creativi italiani, punto di riferimento a livello internazionale, presenta al Salone del Mobile di Milano 2018 la sua interpretazione della nuova collezione Grand Tour, caratterizzata dall’inconfondibile spirito del legno e da un mood squisitamente tailor made.

L’allestimento poliedrico e creativo del designer, apprezzatissimo da critica e committenza con all’attivo collaborazioni con marchi di tutto il mondo, è noto per la straordinaria sensibilità nel collocare al centro della sua poetica l’uomo e per lo sguardo dinamico, controcorrente e irriverente che caratterizza ogni suo lavoro.

L’incontro tra il designer e l’azienda risale alla realizzazione dell’Hotel UNA Vittoria di Firenze nel 2003 e si rafforza con la collaborazione in occasione della manifestazione più importante del settore.

tino sana - fabio novembre

Partendo dal suo pensiero e dal suo stile rivoluzionari, Fabio Novembre dona un volto «POP» allo stand di Tinosana personalizzando i mobili di Grand Tour per valorizzare tutta la straordinaria capacità produttiva dell’azienda e la sua predilezione per il tailor made, con un progetto caratterizzato da uno spirito dinamico, a tratti irriverente e non convenzionale, interamente orientato alla personalizzazione, in cui i modelli della collezione Grand Tour diventano il materiale grezzo da cui ogni architetto può partire per realizzare un mobile customizzato.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
Tina Sana
Aveva 84 anni
Addio a Tino Sana, dal nulla creò un impero grazie alla passione per il legno
tino sana
Guido sana
“Un aliante in legno costruito nel laboratorio di papà Tino, mi è rimasto nel cuore”
Generico maggio 2020
L'imprenditore del legno
Tino Sana, l’orfano che sapeva sognare
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI