BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Case riposo, la mappa nelle valli: 1475 posti, rette oltre i 2mila euro

Il viaggio di BGnews si sposta in Valbrembana, Valle Imagna, Seriana e Val di Scalve, dove sono 18 le strutture per la terza età

Si sposta nelle valli bergamasche il viaggio di Bergamonews nel mondo dell'assistenza alla terza età. Un viaggio, come avuto modo di spiegare nelle puntate precedenti (dove abbiamo scandagliato posti letto, liste d'attesa e costi delle strutture presenti in città, nell'hinterland e nella Bassa) dettato dalla volontà di fare il quadro attorno a tematiche che interessano migliaia di persone, visto che le case per anziani hanno ormai raggiunto costi record.

Valle Brembana e Valle Imagna 

Sui 37 Comuni della Comunità Montana Valbrembana sono in tutto 4 le Residenze sanitarie assistenziali (Rsa), termine con cui vengono comunemente definite le strutture per la terza età. Sono la Casa Monsignor Giuseppe Speranza di Zogno, l'Oasi San Pellegrino di San Pellegrino Terme, la Fondazione Don Stefano Onlus di Piazza Brembana e la Casa Santa Maria di Val Brembilla (cliccando sui nomi si può andare direttamente al sito delle strutture, utilizzando la mappa interattiva che trovate sotto potete consultare gli indirizzi e i numeri di telefono utili).

Stando ai dati ricavati sul sito dell'Ats e delle singole residenze sanitarie assistenziali, sono 308 i posti accreditati (una ventina quelli per i malati di Alzheimer, concentrati nella Rsa di Piazza Brembana), 313 quelli a contratto (per i quali la Regione, tramite l'Ats, paga un contributo per le spese sanitarie, diversamente la retta è tutta a carico dell'utente). Il pagamento delle rette deve essere infatti per il 50% a carico della Regione e per l'altro 50% degli ospiti: il Pirellone riconosce 29 euro al giorno per i ricoverati a bassa intensità di cura, 39 per quelli di media intensità e 49 per l'alta intensità. Per i malati di Alzheimer la cifra sale fino a 52.

E i costi? Una giornata di degenza in Valbrembana va da un minimo di 50,30 euro a un massimo di 95. Le rette sono differenziate in base al carico assistenziale richiesto e alla tipologia di camera assegnata (singola, doppia ecc...). In alcuni casi sono previste maggiorazioni per i non residenti.

In media, si va dai circa 1.600 ai 2.500 euro di spesa al mese: ne consegue che i picchi potrebbero essere molto più alti a seconda delle singole tariffe applicate dalle strutture.

In Valle Imagna si trova invece la Fondazione Giovanni Carlo Rota di Almenno San Salvatore, accreditata per 72 posti letto, tutti a contratto, destinati ad accogliere persone anziane, di norma ultrasessantacinquenni, non autosufficienti che necessitano di cura ed assistenza continuativa. Le rette giornaliere, in questo caso, vanno da un minimo di 54 euro per i residenti a un massimo di 56 per chi viene da fuori.

(Rsa Val Brembana: rosso - Rsa Valle Imagna: arancio - Rsa Valseriana: blu - Rsa Val di Scalve: viola)

Valle Seriana e Val di Scalve 

Cresce sensibilmente il numero delle Rsa sul fronte seriano: 13, se contiamo anche la Bartolomea Spada di Schilpario in Val di Scalve. Le altre sono la Fondazione Honegger di Albino, la Filisetti di Ardesio, la Casa di Riposo San Giuseppe di Casnigo, la Casa della Serenità di Cene, la Sant'Andrea di Clusone, la Cecilia Caccia in Del Negro di Gandino, la Fondazione San Giuseppe di Gazzaniga, la Fondazione Ospedale Milesi di Gromo, la Casa Serena di Leffe , la Casa di Riposo di Nembro, la San Lorenzo di Valbondione e la Giorgio Gusmini di Vertova.

In questo caso sono 1.095 i posti accreditati (una settantina quelli per l'Alzheimer, divisi tra le Rsa di Albino e Vertova), 863 quelli a contrattoLa cifra minima da sborsare per una giornata di cura è 38 euro, la massima 110. Anche qui, vale lo stesso discorso fatto in precedenza: le rette dipendono dalla tipologia di servizio richiesto, mentre in alcuni casi vengono privilegiati i residenti. In media, le tariffe vanno dai circa 1.480 a 2.130 euro di spesa mensile.

Nelle valli, il rincaro delle tariffe minime si aggira attorno al 10% in cinque anni; quello delle massime supera il 20%.

Qui sotto le informazioni utili sulle RSA:

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.