Astori, Frizzi, Mondonico: persone perbene la cui partenza ci ha toccato il cuore - BergamoNews
Lo spunto

Astori, Frizzi, Mondonico: persone perbene la cui partenza ci ha toccato il cuore

Ci siamo chiesti perché la morte di Davide Astori, Fabrizio Frizzi ed Emiliano Mondonico abbia colpito così nel profondo tanta tanta gente.

Astori Frizzi Mondonico. Tre partenze, tre addii accompagnati da tristezza vera. Non un cordoglio mordi e fuggi (che, si sa, dall’idea della morte meglio scappare lontano il più in fretta possibile), ma un lungo lungo abbraccio.

Davide Fabrizio Emiliano. Così diversi ma, l’abbiamo verificato, eccome, tutti e tre con una grande capacità di entrare nel cuore della gente. Di tanta gente. Un ingresso discreto, senza botti, senza gesti eclatanti acchiappaconsensi e simpatie. E forse proprio per questo accoccolato in silenzio in un angolino della mente.

Cosa li accomuna? Cosa è riuscito a toccare le corde di molti che non li conoscevano eppure ne sentono la mancanza, ne piangono la scomparsa? È una domanda che ci siamo fatti in questi giorni, colpiti, anche stupiti dall’inaspettato fiume di dispiacere sincero per tutti e tre. E la risposta che ci siamo dati è che c’è un tratto che li caratterizza: erano persone perbene.

Dove perbene non sta o non sta solo per gentile ed educato.

Dove perbene è il contrario di arrogante, bullo, presuntuoso, divo a tutti i costi.

Dove perbene significa attento a chi hai di fronte, alle sue gioie e ai suoi dolori, ai suoi umori.

Dove perbene è il contrario di cercare spasmodicamente di mettersi al centro della scena.

Dove perbene, forse, vuol dire essere “normali”.

Ecco, Astori Frizzi Mondonico, così normali, così speciali.

leggi anche
  • Il ricordo
    “Ciao Mister”, l’eredità di Mondonico nella mia vita
    alleva e mondonico
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it