"Un esempio di signorilità nel mondo del calcio": lo sport saluta Mondonico; sabato i funerali - BergamoNews
Sui social

“Un esempio di signorilità nel mondo del calcio”: lo sport saluta Mondonico; sabato i funerali

La scomparsa del Baffo di Rivolta ha toccato tutti coloro avevano a che fare col mondo dello sport, non solo col calcio

Bergamo, Cremona e l'Italia intera piangono Emiliano Mondonico. Il Baffo di Rivolta d'Adda, storico allenatore di Atalanta, Torino e AlbinoLeffe, è morto nella mattinata di giovedì 29 marzo, poco prima delle 6.

La notizia, terribile, ha toccato tutti coloro avevano a che fare, in un modo o nell'altro, col mondo dello sport. Non solo calciatori o dirigenti che l'hanno conosciuto personalmente, ma anche giornalisti, addetti ai lavori e semplici appassionati hanno voluto salutare il Mondo sui social dedicandogli un tributo che viene riservato solo ai più grandi, ai più amati. Perché lui, Mondonico, era così: grande e amato.

Esempio di signorilità nel mondo del calcio, come è stato definito, il Baffo cremonese aveva 71 anni.

Era un personaggio che non potevi non ammirare. Semplice, schietto, sincero. Mai banale.

I funerali si svolgeranno sabato 31 marzo a Rivolta d'Adda.

Il mondo dello sport, e non solo, oggi lo piange. Noi di Bergamonews abbiamo voluto raggruppare in un liveblog tutti gli omaggi postati sui social da chi oggi piange un ex calciatore, un ex allenatore, un opinionista tv, un amico.

Per entrare nel nostro liveblog basta pubblicare una foto su Instagram o un post su Twitter con l'hashtag #Mondonico

leggi anche
  • L'alpinista
    Simone Moro ricorda Mondonico: “Concreto e senza piedistalli”
    Simone Moro
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it