È morto Emiliano Mondonico, uno degli allenatori più amati del calcio italiano - BergamoNews
Il lutto

È morto Emiliano Mondonico, uno degli allenatori più amati del calcio italiano fotogallery

Si è spento poco fa Emiliano Mondonico, uno degli allenatori più amati del calcio italiano

Si è spento poco fa Emiliano Mondonico, uno degli allenatori più amati del calcio italiano, che nel suo lungo peregrinare in Serie A e B ha legato il suo nome a Cremonese, Torino, Atalanta, AlbinoLeffe, Napoli, Cosenza, Novara, Fiorentina e altre ancora. Aveva 71 anni, compiuti lo scorso 9 marzo.

Da qualche giorno era ricoverato all’Istituto dei Tumori di Milano: da circa un mese Mondonico sapeva di essere affetto da un cancro, molto più esteso e aggressivo di quelli che negli ultimi otto anni aveva combattuto e vinto.

Negli ultimi anni è stato opinionista per la RAI (tra la domenica sportiva e Sabato Sprint) ed emittenti locali e testimonial nazionale per il CSI, lui con la sua reputazione di uomo di provincia (mai ha voluto lasciare la sua casa di Rivolta d’Adda, dove ha abitato sempre con la moglie Carla immerso nell’amore delle figlie Clara e Francesca) e di persona semplice.

Non ha mai rinunciato ad allenare i bambini all’oratorio di Lodi la domenica mattina, come non ha mai perso un appuntamento con la sua squadra di affetti da dipendenze, da alcol e droga che fosse.

Il mondo del calcio lo ricorderà per la vittoria della Coppa Italia con il suo Torino, per quella sedia alzata in segno di protesta per un rigore (che non c’era) non dato, a bordo campo della finale di UEFA persa contro l’Ajax, per la meravigliosa cavalcata in Coppa delle Coppe con l’Atalanta, allora in Serie B, quando si arrese solo al Malines. Lo ricorderà come specialista di promozioni, per aver lanciato giocatori come Gianluca Vialli, come maestro dell’ex tecnico della nazionale Cesare Prandelli, ma soprattutto per il suo modo di interpretare il gioco e la vita, senza risparmiarsi, usando la testa quando i piedi mancano.

Gli è mancata una grande squadra, ma certamente, a cavallo tra gli anni ’80 e ’90, Mondonico l’avrebbe meritata. Mancherà a tutti coloro che lo hanno conosciuto e a tutti i tifosi sparsi per l’Italia, lui con il suo modo sornione di affrontare la vita e gli avversari.

leggi anche
  • L'intervista
    Il consiglio di Mondonico: “Gasperini risolva con chi di dovere, per il bene dell’Atalanta”
    Emiliano Mondonico
  • L'ex allenatore
    Mondonico tifa Napoli: “Vincerà lo Scudetto, e l’Atalanta sarà ancora in alto”
    Emiliano Mondonico
  • Il personaggio
    Mondonico operato: “Tutto bene, il tumore non vincerà”
    Mondonico
  • L'annuncio
    Mondonico, la battaglia ricomincia: “Devo lottare, la malattia è tornata”
    Emiliano Mondonico
  • L'intervista
    Mondonico ricorda Pisani: “Quella partita col Vicenza l’ha giocata con noi…”
    Chicco Pisani
  • Letto per voi
    Mondonico: quella volta che si fece espellere per andare a vedere i Rolling Stones
    Mondonico e i Rolling Stone
  • L'alpinista
    Simone Moro ricorda Mondonico: “Concreto e senza piedistalli”
    Simone Moro
  • Il ricordo
    “Ciao Mister”, l’eredità di Mondonico nella mia vita
    alleva e mondonico
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it