BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

È morto Emiliano Mondonico, uno degli allenatori più amati del calcio italiano fotogallery

Si è spento poco fa Emiliano Mondonico, uno degli allenatori più amati del calcio italiano

Si è spento poco fa Emiliano Mondonico, uno degli allenatori più amati del calcio italiano, che nel suo lungo peregrinare in Serie A e B ha legato il suo nome a Cremonese, Torino, Atalanta, AlbinoLeffe, Napoli, Cosenza, Novara, Fiorentina e altre ancora. Aveva 71 anni, compiuti lo scorso 9 marzo.

Emiliano mondonico

Da qualche giorno era ricoverato all’Istituto dei Tumori di Milano: da circa un mese Mondonico sapeva di essere affetto da un cancro, molto più esteso e aggressivo di quelli che negli ultimi otto anni aveva combattuto e vinto.

Negli ultimi anni è stato opinionista per la RAI (tra la domenica sportiva e Sabato Sprint) ed emittenti locali e testimonial nazionale per il CSI, lui con la sua reputazione di uomo di provincia (mai ha voluto lasciare la sua casa di Rivolta d’Adda, dove ha abitato sempre con la moglie Carla immerso nell’amore delle figlie Clara e Francesca) e di persona semplice.

Non ha mai rinunciato ad allenare i bambini all’oratorio di Lodi la domenica mattina, come non ha mai perso un appuntamento con la sua squadra di affetti da dipendenze, da alcol e droga che fosse.

Il mondo del calcio lo ricorderà per la vittoria della Coppa Italia con il suo Torino, per quella sedia alzata in segno di protesta per un rigore (che non c’era) non dato, a bordo campo della finale di UEFA persa contro l’Ajax, per la meravigliosa cavalcata in Coppa delle Coppe con l’Atalanta, allora in Serie B, quando si arrese solo al Malines. Lo ricorderà come specialista di promozioni, per aver lanciato giocatori come Gianluca Vialli, come maestro dell’ex tecnico della nazionale Cesare Prandelli, ma soprattutto per il suo modo di interpretare il gioco e la vita, senza risparmiarsi, usando la testa quando i piedi mancano.

Gli è mancata una grande squadra, ma certamente, a cavallo tra gli anni ’80 e ’90, Mondonico l’avrebbe meritata. Mancherà a tutti coloro che lo hanno conosciuto e a tutti i tifosi sparsi per l’Italia, lui con il suo modo sornione di affrontare la vita e gli avversari.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.