Caschi Nolan, l'azienda in vendita: previsto incontro con i sindacati - BergamoNews
Brembate sopra

Caschi Nolan, l’azienda in vendita: previsto incontro con i sindacati

Fondata nel 1972, l'azienda conosciuta in tutto il mondo lo ha comunicato nei giorni scorsi ai circa 300 dipendenti della sede di Brembate Sopra

Una notizia giunta all’improvviso, e confermata dai sindacati: la Nolan è in vendita. Fondata nel 1972, l’azienda conosciuta in tutto il mondo per la produzione di caschi lo ha comunicato nei giorni scorsi ai circa 300 dipendenti della sede di Brembate Sopra.

“A inizio settimana i vertici dell’azienda hanno contattato le nostre rappresentanze comunicando loro la messa in vendita”, fa sapere Cristian Verdi, segretario Femca Cisl BergamoUn primo incontro tra le parti è in programma venerdì prossimo, 6 aprile: “Chiederemo tutte le spiegazioni del caso – prosegue Verdi -. In primis lo stato delle trattative, qualora fossero già in corso, ma anche informazioni sulle possibilità di mantenimento dei posti di lavoro e della sede produttiva a Brembate Sopra”.

Secondo i ben informati, la questione dovrebbe essere gestita dalla UBS Groups. La società svizzera di servizi finanziari, con sede a Basilea e Zurigo, “tratterà la cessione di Nolan Group presumibilmente a un fondo – osserva Verdi -. Una prospettiva, questa, che non ci lascia particolarmente tranquilli”.

Indiscrezioni sul futuro dell’azienda erano circolate già nei mesi scorsi. Due le strade che si erano profilate per la crescita: da un lato l’apertura al capitale ad altri soci, dall’altro la quotazione in borsa. Ora, la notizia della messa in vendita.

Stiamo parlando di un’azienda che produce oltre 400 mila caschi a stagione (sono più di 30 milioni, dal suo esordio), con fatturato di quasi 44 milioni di euro nel 2016, in crescita del 6%. Negli anni, ha prodotto caschi per i più celebri piloti di Superbike e Motomondiale.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it