Bergamo, i ragazzi che ascoltano (gratis) le storie d'amore dei passanti - BergamoNews
La curiosità

Bergamo, i ragazzi che ascoltano (gratis) le storie d’amore dei passanti

Una scena che non può che attirare l'attenzione: "Per oggi abbiamo raccolto poche storie, ma in compenso tanti sorrisi"

Due giovani ragazzi e un cartello: “Ascolto storie d’amore (gratis)”. Una scena che non può fare a meno di attirare l’attenzione dei passanti in via Sant’Orsola, nel centro di Bergamo.

I promotori di questa curiosa iniziativa sono Mattia Musciumarra e Samira Naamane, entrambi ventiduenni. Qualcuno si ferma per scambiare quattro chiacchiere con loro, qualcun altro li osserva incuriosito, ma poi preferisce tirare dritto e proseguire per la propria strada.

“Per oggi abbiamo raccolto poche storie, ma in compenso tanti sorrisi – racconta Mattia, che nella vita sogna di fare il giornalista e lo scrittore -. Un signore si è persino commosso nel vederci qui seduti”, pronti ad ascoltare i problemi della gente e dispensare qualche consiglio. “Ciò che viene raccontato resta tra noi e l’interlocutore – assicura Mattia -. Chiunque ne senta il bisogno, può considerarla una seduta psicologica gratuita”.

Un’idea che arriva da lontano, precisamente dall’Uruguay, dove tempo fa un ragazzo aveva avuto l’idea di ascoltare le storie dei passanti in una piazza di Montevideo.

Un’idea recentemente ripresa anche in Italia, a Milano, da un signore piazzatosi davanti al Museo delle Culture con un solo obiettivo: aspettare che i passanti si siedano e passino qualche minuto con lui a parlare delle loro storie sentimentali. Belle o brutte che siano, non importa.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it