Quantcast
Quattro amici al Jazz: chiude in bellezza il quarantennale del Festival - BergamoNews
L'evento

Quattro amici al Jazz: chiude in bellezza il quarantennale del Festival fotogallery

Dave Douglas, Paolo Fresu, Uri Caine ed Enrico Rava (con ospiti): due ore di performance tra originalità e tradizione con i quattro direttori artistici del Bergamo Jazz Festival

Diversità nella creatività: è stato il manifesto di Dave Douglas per la 40esima edizione del Bergamo Jazz Festival. E questa idea è stata mantenuta nel copione della rassegna fino all’ultimo concerto, quello finale che visto sul palcoscenico del Creberg Teatro proprio Dave Douglas, che è stato riconfermato alla direzione artistica per il quarto anno, e i suoi ospiti. Una performance a tutto jazz che ha esaltato gli appassionati, degno happy end di un festival che ha presentato stili, correnti e novità con qualche sguardo oltre confine di questa musica che resta sempre viva e vivace.

Per il gran finale Dave Douglas ha chiamato in concerto tutti i precedenti direttori artistici del festival Uri Caine, spettacolare al pianoforte, Paolo Fresu e Enrico Rava, trombettisti. Ha spiegato così, in un’intervista a Musica Jazz, i loro interventi. “Uri è uno dei miei più vecchi colleghi musicisti. Condividiamo anche la curiosità per le fonti e i metodi, e l’ispirazione che proviene da Uri sembra inesauribile, Enrico e Paolo suonano con intenso calore umano e un suono cui tuttora aspiro. La tromba è uno strumento unico. Come la voce umana, ogni esecutore ha un suono molto distinto e personale”.

Con queste premesse ne è uscito un concerto che ha toccato originalità e tradizione e non è un caso che gli ultimi due rifermenti del lungo set, durato due ore abbondanti, siano stati dedicati Dizzy Gillespie. Per completare l’opera sono saliti sul palcoscenico a sorpresa Tino Tracanna, Greg Ward, sax tenore, e soprattutto graditissimo il trombettista Jeremy Pelt.

Come base ritmica dell’intero concerto Linda May Han Oh al contrabbasso e Clarence Penn alla batteria.

Resta il bilancio di questa edizione che ha spalancato le porte del jazz a tutta la città in maniera più completa e convincente di altre volte. Da verificare con un po’ di attenzione l’impatto col Creberg Teatro, ma sembra sia stato superato agevolmente anche con la partecipazione del pubblico.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
maceo parker bergamo jazz 2018
L'evento
Maceo Parker, showman, fa ballare il pubblico del Bergamo Jazz
Jazz
Musica e non solo
Bergamo Jazz in stile New Orleans: la magia ‘on the road’ delle Jam Session
maceo parker
Il discomane
Aspettandolo dal vivo a Bergamo Jazz, ecco l’amore secondo Maceo Parker
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI