Tra orgoglio e voglia di ripartire: Italia-Argentina non sarà una semplice amichevole - BergamoNews
A manchester

Tra orgoglio e voglia di ripartire: Italia-Argentina non sarà una semplice amichevole

Gli Azzurri in campo per la prima volta dopo la sciagurata mancata qualificazione al Mondiale: fischio d'inizio alle 20.45

Italia-Argentina non può mai essere “solo” un’amichevole. Venerdì sera, a Manchester, inizia il nuovo corso degli Azzurri con il test in programma contro l’Albiceleste.

Una partita che non è mai come le altre. Prima di tutto, perché in campo ci saranno campioni di fama mondiale, da Messi (acciacco permettendo) a Higuain, da Buffon a Bonucci. E poi perché – un po’ fa triste dirlo, ma è così – rappresenta il ritorno in campo dell’Italia dopo la sciagurata mancata qualificazione ai Mondiali russi.

In panchina ci sarà Gigi Di Biagio, ct solo di passaggio o forse no: l’ex centrocampista di Roma e Inter, secondo fonti vicine alla Federazione, in questi mesi potrebbe giocarsi il suo futuro.

Gli Azzurri, oggi più che mai, dovranno tirar fuori tutto il loro orgoglio.

Soprattutto l’orgoglio di una squadra che, sbattuta fuori dal Mondiale a distanza di sessant’anni dall’ultima volta, deve dare un segnale di rinascita.

Il percorso di espiazione con le grandi Nazionali proseguirà martedì a Wembley con l’Inghilterra e a giugno con la Francia a Nizza e l’Olanda a Torino, nella notte del probabile addio al calcio giocato di Gianluigi Buffon.

Allora mettiamoci comodi e godiamoci questa settimana azzurra. Col pensiero fisso a quel Mondiale sfumato, d’accordo, ma comunque con la solita voglia di calcio italiano.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it