Ribaltone nelle giovanili del Pontisola, addio all'allenatore: "E' un grande dispiacere" - BergamoNews
L'intervista

Ribaltone nelle giovanili del Pontisola, addio all’allenatore: “E’ un grande dispiacere”

Una decisione surreale soprattutto per l'allenatore da due anni alla guida dei ragazzi 2001 con cui stava disputando una stagione molto positiva anche dal punto di vista dei risultati

Ribaltone in casa Pontisola. No, non si tratta però della prima squadra, in piena lotta per la vittoria del gruppo B di Serie D, allenata da Giacomo Curioni, bensì stiamo parlando delle giovanili. La società ha annunciato, molto a malincuore, di aver sollevato dall’incarico il tecnico Andrea Terzi, allenatore degli Allievi Regionali A.

Una decisione maturata circa tre settimane dopo il fattaccio, dopo quel Pontisola-Manara mai disputato che farà discutere ancora parecchio. Ma riavvolgiamo il nastro e andiamo con ordine. Domenica 25 febbraio, la squadra di Terzi è pronta a scendere in campo in una fredda mattinata di fine inverno per affrontare gli avversari del Luciano Manara in uno scontro di medio-alta classifica. Il clima è di quelli polari, la perturbazione Burian annunciata ha dato i suoi frutti con i termometri che non smettono di segnare temperature ben al di sotto degli 0 gradi centigradi e una sorpresa attende le due compagini, una fitta nevicata ha completamente imbiancato l’intero manto erboso. I due allenatori preoccupati per l’incolumità dei propri ragazzi non vogliono assolutamente che il match si giochi, mentre il direttore di gara, senza un minimo di buon senso, ordina di ripulire le linee del rettangolo “bianco” (perché di verde aveva ben poco) per iniziare al più presto senza nessun tipo di problema il match.

Le due formazioni su esplicita richiesta del direttore di gara firmano un foglio in cui si assumono tutte le responsabilità del caso, del mancato fischio d’inizio dell’incontro e la partita viene rinviata. O meglio non verrà più giocata perché il Giudice Sportivo usa la mano pesante e risponde con la doppia sconfitta 3-0 a tavolino e 1 punto di penalizzazione nella graduatoria per entrambe.

Tre settimane più tardi, lo scorso venerdì come un fulmine a ciel sereno, quando ormai l’esonero a stagione in corso sembrava un’ipotesi accantonata, è arrivata la decisione presa dalla società bergamasca che si è trovata di fronte ad una situazione surreale e ha deciso di esonerare il mister con tutto il suo staff, compresi i dirigenti Mattia Terzi e Antonio Mancino.

Una decisione surreale soprattutto per l’allenatore da due anni alla guida dei ragazzi 2001 con cui stava disputando una stagione molto positiva anche dal punto di vista dei risultati: 3^ posto in classifica, dietro solo a Virtus Bergamo 1909 e Olginatese e in piena zona play-off, e 53 punti conquistati sul campo in 23 fare (media di 2,30 a partita) frutto di 18 vittorie, e 5 sconfitte di cui una a tavolino (62 gol fatti e 19 subiti).

“Una circostanza davvero inusuale, ma purtroppo è accaduta – ci racconta Andrea Terzi – dopo tre settimana dall’accaduto non mi aspettavo un esonero in corso di stagione. Lo accetto perché sapevo di aver commesso involontariamente un errore”. Dispiaciuto soprattutto per i suoi beniamini, per aver lasciato in sospeso un cammino: “La squadra stava disputando un’ottima stagione, i ragazzi stavano completando il loro percorso di formazione e crescita. Ringrazio i ragazzi per quello che mi hanno dato e insegnato in questi due anni. Rimarrò sempre il loro primo tifoso e spero riescano a raggiungere l’obiettivo finale che ci eravamo prefissati.”

Parole piene d’amore,di passione e di ringraziamento al Pontisola e in particolare a Luciano Pisoni per la grande opportunità ricambiate anche dalla stessa società che riconosce il grande lavoro svolto da Terzi e tutta la sua equipe e afferma come non sia stato per nulla semplice partorire questa decisione. E allora come ha scritto su Facebook il tecnico degli avversari di quel match “incriminato” Pelucchi “si chiude una porta, se ne apre un’altra per gente come voi che ama il calcio, in bocca al lupo a mister Terzi e al suo staff!”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it