BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Olivari e Alleva alla Bgnews Academy: la professione multitasking dell’addetto stampa

Proprio come il giornalista, anche l’addetto stampa deve saper scrivere in modo semplice, chiaro, rapido, concreto, sintetico

“La comunicazione è un investimento, deve creare valore aggiunto”: Elisabetta Olivari, addetta stampa, introduce la lezione dell’ 8 marzo alla Bergamonews Academy, dedicata al mondo degli uffici stampa, a stretto contatto con quello dei giornalisti. Accanto alla Olivari, Francesco Alleva, portavoce del sindaco di Bergamo, presenta la professione dal punto vista del pubblico impiego, perimetrata da precisi oneri legislativi.

“L’ufficio stampa rappresenta un’azienda, una struttura o un personaggio in tutti i rapporti con l’esterno, soprattutto con i media – spiega la Olivari – Fare l’addetto stampa vuol dire avere essere professionali: il lavoro deve trasformarsi in valore aggiunto per il proprio cliente”. Ricordando la lezione di David Berstein, esperto in comunicazione di impresa, la Olivari sottolinea che l’impresa è percepita come una persona: l’ufficio stampa deve contribuire a rendere questa persona gradita, simpatica, carica di valori positivi, unica.
Proprio come il giornalista, anche l’addetto stampa deve saper scrivere in modo semplice, chiaro, rapido, concreto, sintetico. Capacità scrittura, intraprendenza e una buona dose di creatività sono la chiave per un lavoro di qualità.

“Nel mestiere dell’addetto stampa non ci sono orari, soprattutto nel campo della politica – dice Francesco Alleva – Bisogna essere sempre pronti, veloce e precisi allo stesso tempo”. Un lavoro molto dinamico e attivo, che come nel caso del giornalista, richiede flessibilità e abilità multitasking: dall’organizzazione di conferenze stampa, alla stesura di comunicati stampa, lettere al direttore, inviti stampa, dalla creazione di rassegne stampa alla preparazione di interviste.

“Addetto stampa e giornalista lavorano a stretto contatto – conclude la Olivari – ma i ruoli, seppur con alcune affinità, devono rimanere sempre distinti: il giornalista cerca la notizia, l’addetto stampa veicola l’informazione. Funzioni distinte ma che convergono verso un unico punto di arrivo: comunicare conviene, sempre.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.