Quantcast
Ballando con le Stelle e la polemica omofoba: "Zazzaroni? Nessuna scusante" - BergamoNews
In tv

Ballando con le Stelle e la polemica omofoba: “Zazzaroni? Nessuna scusante”

Il presidente Arcigay Bergamo, Marco Arlati: "Gravissimo il messaggio che è stato trasmesso, perché la volontà di rifiutarsi addirittura di votare il ballo tra due uomini si traduce nella volontà di non prendere nemmeno in considerazione che due uomini possano ballare tra loro"

Ha scatenato non poche polemiche il verdetto di uno dei giudici di Ballando con le stelle Ivan Zazzaroni, che ha bocciato l'esibizione della coppia formata dal concorrente Giovanni Ciacci e dal coach-ballerino Raimondo Todaro (il primo gay dichiarato, il secondo un "veterano" del programma) perché considerata "fuori contesto".

Dopo i fischi in diretta, sono arrivate le reazioni su Twitter e non solo: "Arcigay Bergamo Cives vuole esprimere il proprio sdegno e la propria condanna, senza nessuna scusante, per le parole vergognose espresse durante il programma Rai, che dovrebbe avere funzione educativa, essendo il servizio pubblico nazionale - fa sapere il presidente Marco Arlati -. È gravissimo il messaggio che è stato trasmesso, perché la volontà di rifiutarsi addirittura di votare il ballo tra due uomini da parte di Zazzaroni, si traduce nella volontà, chiara e spregevole, di non prendere nemmeno in considerazione che due uomini possano ballare tra di loro. Il suo compito era quello di valutare l'esibizione tecnica del ballo, invece lui ha voluto portare la valutazione su un altro livello, ossia sul giudizio se due uomini possano formare una coppia di ballo, esprimendo chiaramente un pensiero omofobico".

Secondo Arlati, "la Rai dovrebbe prendere seri provvedimenti. Questo episodio è solo l’ultimo di una serie di situazioni omofobiche apparse sui media negli ultimi mesi e il dato di base è la mancanza di presa di provvedimenti da coloro che sono adibiti a controllo. Questo è un segno dello scivolamento morale e culturale che sta vivendo il nostro Paese. Non sorprendono i casi di recrudescenza dell'odio verso le minoranze".

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI